Martedì 04 Aprile 2017 - 09:30

Dopo 7 anni torna in Italia l'ex Verve Richard Ashcroft: il 26 agosto a Torino

Sarà uno dei protagonisti dell'atteso festival Todays e porterà in concerto vecchi successi e il nuovo album 'These People'

Dopo 7 anni torna in Italia l'ex Verve Richard Ashcroft: il 26 agosto a Torino

Dopo sette lunghi anni Richard Ashcroft, il carismatico e affascinante leader dei Verve, fa il suo ritorno in Italia per una unica data: il 26 agosto al Todays Festival di Torino, con la sua musica, la sua sfacciataggine, il suo modo unico di scrivere e cantare. Il sound deciso ed energico del suo ultimo album 'These People', segna un grande ritorno al passato, alle magiche atmosfere di successi come 'The Drugs Don't Work' , 'A song For the Lovers' e 'Bitter Sweet Symphony'. Pubblicato lo scorso maggio via Cooking Vinyl, 'These People' contiene ballate che fotografano l'oggi come pochi sanno e vogliono fare: 'This Is How It Feels', 'Hold On', 'They Don't Own Me', 'Out Of My Body' e 'These People'. 'Black Lines' è il suo ultimo singolo. Dopo essersi piazzato immediatamente al terzo posto dell’UK Album Chart, 'These People' è rimasto per ben 5 mesi nella Top 200 Album Chart.

Dopo una serie di spettacoli tutti sold out nel Regno Unito, tra cui due date molto speciali all'O2 Arena di Londra e al Liverpool Echo Arena, e la partecipazione al Festival dell'Isola di Wight, il vincitore dei Brit e dell'Ivor Novello Award, nominato ai Grammy e Best British Male Artist 2017 agli NME Awards, suonerà al Todays le sue hit storiche, le canzoni con i Verve in occasione del ventennale dell'uscita di 'Bitter Sweet Symphony' (estate del 1997), e il suo album 'These People' che lo conferma come uno dei cantautori piu prodigiosi e importanti della sua generazione.

Richard Ashcroft oggi 45enne, un nuovo look e rinnovata consapevolezza, è considerato il diamante pazzo del brit pop. Nato l’11 settembre 1971 in Inghilterra, cresciuto a Wigan, Lancashire, alla fine degli anni '80 il giovane Ashcroft, detto 'Mad Richard' per il suo carattere esuberante, imprevedibile e sempre con un'impellente necessità di essere al centro dell'attenzione, forma i Verve con gli amici Nick McCabe (chitarra), Simon Jones (basso), Peter Salisbury (batteria). Il loro debutto 'A Storm in Heaven'(1993) riceve ottime recensioni ma è il singolo del 1997 'Bitter Sweet Symphony', inserito nel disco 'Urban Hymns', a regalare il successo planetario alla band. Tuttavia, alcuni attriti intaccano il gruppo, che dopo la fuoriuscita di McCabe e una brusca interruzione del tour del 1998, si scioglie nella primavera 1999. Poco dopo, Ashcroft annuncia l’inizio della carriera solista ricca di successi.

Ashcroft dichiara di sentirsi un 'moderno trovatore' che mette sul tavolo riflessioni sulla società 'malata, nichilista e votata alla guerra' in cui viviamo. 'Out of my body' è la canzone dove appare la frase-manifesto del nuovo disco 'These People': "Libero dal controllo, come piace a me". Sono tanti gli argomenti trattati in questo disco, visto che Richard Ashcroft non lesina sulla scrittura: si parla di grandi temi come la guerra in Siria e la primavera araba, ma anche di piccoli lutti personali come la morte di un carissimo amico. L'ex leader dei Verve è molto atteso a Torino dove sarà uno dei protagonisti del festival Todays (allo Spazio 211 di via Cigna), che conta già nel cartellone PJ Harvey (25 agosto), Band of Horses e Shins (27 agosto). 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

George Ezra: "Così a Barcellona è nato il mio nuovo album"

La voce profonda che tutti ricordano per Budapest, racconta con serenità e il sorriso sulle labbra il periodo trascorso in Spagna

Drake music video donation

Drake infrange ogni record: un miliardo di stream per "Scorpion"

Il quinto album del rapper canadese ha raggiunto lo straordinario risultato in una sola settimana

Emma Muscat presenta 'Moments': "Presto canzoni in italiano"

La 19enne di origini maltesi è sbocciata durante il suo percorso ad 'Amici' e ora è pronta a prendere il volo