Giovedì 29 Giugno 2017 - 15:15

Nuovi dubbi sul caso Schwazer: hacker russi svelano mail Iaaf

Le carte metterebbero "a nudo dubbi e paure dell'organismo internazionale rispetto all'iniziativa della magistratura italiana"

Doping, nuovi dubbi sul caso Schwazer: hacker russi svelano mail della Iaaf

Il caso di Alex Schwazer, squalificato dalla Iaaf per 8 anni alle vigilia delle Olimpiadi di Rio de Janeiro per esser risultato positivo a un campione di urine prelevato il 1 gennaio 2016, si arricchisce di nuovi dettagli. Secondo quanto riporta 'ilsussidiario.net' gli hacker russi di Fancy Bear avrebbero sottratto alla Iaaf, la federazione internazionale di atletica, 23 mail "scambiate tra il manager dei controlli antidoping della Federazione internazionale di atletica Thomas Capdevielle e il consulente legale Ross Wenzel su cui interagiscono altri avvocati e dirigenti Iaaf" riguardanti "la strategia difensiva nei confronti del Tribunale di Bolzano che ha avviato la procedura di sequestro delle provette del marciatore italiano per analizzarne il dna". Queste mail, prosegue il 'sussidiario.net', metterebbero "a nudo i dubbi, le contraddizioni e le paure dell'organismo internazionale rispetto alla iniziativa della magistratura italiana e sugli elementi che portano gli stessi consulenti IAAF a ritenere improbabile la condanna di Schwazer per doping in sede penale".

Nelle carte inoltre "emergerebbe un ruolo nella vicenda Schwazer di un influente guru della atletica italiana, che si era speso, anche pubblicamente, per impedire l'iscrizione ai Mondiali di marcia di Schwazer, un rivale storico di Sandro Donati". Per quanto riguarda le provette incriminate, sono passati 5 mesi dalla data concordata dal Tribunale di Bolzano, la IAAF e la WADA per la consegna ai RIS di Parma. Le urine invece si trovano ancora al laboratorio di Colonia, al punto che "il GIP Walter Pelino la scorsa settimana ha coinvolto il Ministero della Giustizia tedesco per sollecitare l'invio delle provette in Italia". "Tra l'altro le motivazioni della sentenza di condanna di Schwazer - sottolinea 'ilsussidiario.net' - rese pubbliche dal TAS a inizio febbraio, consentirebbero all'altoatesino di ricorrere alla Corte Federale svizzera per farsi annullare la squalifica visto che lo stesso TAS riconosce le anomalie della procedura del controllo antidoping che portò alla sospensione dell'atleta". La difesa dell'atleta azzurro però, nell'ipotesi di un'altra squalifica per 'violazione della clausola compromissoria' "ha preferito concentrarsi sul processo penale, limitandosi al momento a una seconda memoria difensiva indirizzata alla sezione della Corte d'Appello di Colonia che deve decidere sul destino delle provette e che dalle ultime indiscrezioni dovrebbe farlo entro la prima metà di luglio".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cycling - The 104th Tour de France cycling race

Ciclismo, Vuelta al via: Nibali e Aru lanciano la sfida a Froome

L'anno scorso il campione inglese è stato beffato da Nairo Quintana anche grazie ad un attacco inatteso in discesa di Alberto Contador

Mondiali, Palmisano bronzo nella 20 km di marcia: prima medaglia per l'Italia

Mondiali, Palmisano bronzo nella 20 km: prima medaglia Italia

L'atletica azzurra torna così su un podio mondiale a quattro anni di distanza dalla medaglia d'argento di Valeria Straneo

Atletica, Mondiali: Bolt si infortuna nella 4x100

Addio choc per Bolt: si infortuna in staffetta e sfuma 20esimo oro

La Gran Bretagna sale sul gradino più alto del podio con il tempo di 37"47. Argento agli Stati Uniti