Sabato 14 Novembre 2015 - 14:11

Doping, federazione atletica russa: Decisione Iaaf è severa

IMG

Mosca (Russia), 14 nov. (LaPresse/Reuters) - "Credo che il consiglio della Iaaf abbia preso una decisione troppo severa, ma così è stato e ora faremo di tutto per porre rimedio alla situazione". Così Vadim Zelichenok, presidente ad interim della federazione russa di atletica, ha commentato all'agenzia R-Sport la decisione presa ieri sera dalla Iaaf di sospendere la Russia in via provvisoria da tutte le gare internazionali di atletica.

 

 

 

"E' una decisione prevedibile e comprensibile". Così il ministro dello sport russo Vitaly Mutko parlando all'agenzia R-Sport ha commentato la sospensione provvisoria imposta dalla Iaaf alla Russia da tutte le gare internazionali di atletica, dopo lo scandalo legato al doping 'di stato'. "Abbiamo bisogno di capire cosa vogliono e dove vedono le minacce. Svilupperemo una road map comune e proveremo a farlo rapidamente - ha aggiunto - Penso che possiamo fare tutto il lavoro in due o tre mesi". Sulle conseguenza di questa decisione, Mutko ha evidenziato che "non accadrà nulla, l'atletica continuerà il proprio sviluppo, i ragazzi si alleneranno - ha concluso - Salteranno forse un torneo".

 

 

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presentazione dei mondiali di scherma paralimpica Roma 2017

Mondiali scherma paralimpica: oro Italia nel fioretto donne e sciabola uomini

Il team femminile ha battuto in finale 45-23 la Russia mentre il quartetto degli uomini ha sconfitto 45-40 sempre i russi

A.C. Milan, allenamento mattutino

Calcio, Milan ecco i soldi: Bgb Weston, 8 settimane per rifinanziamento

La mission dell'advisor è quella di trovare una banca o un fondo disposti a erogare denaro al club rossonero

Maratona di New York 2017

Maratona di Ny a Kamworor. Il podio è tutto africano

Secondo posto per Kipsang, terzo l'etiope Desia. Puppi 19esimo. Tra le donne trionfa Flanagan (Usa). Grande sesto posto per Sara Dossena