Martedì 19 Luglio 2016 - 18:15

Doping, Cio: eventi sportivi congelati in Russia, Mutko bandito

Il Comitato non concederà l'accredito alle Olimpiadi di Rio de Janeiro a qualsiasi funzionario del ministero dello sport russo

Doping, Cio: eventi sportivi congelati in Russia, Mutko bandito da Rio

Il Cio non organizzerà e non concederà il patrocinio per qualsiasi evento sportivo in Russia, compresi i Giochi Europei in programma nel 2019. Inoltre il Comitato Olimpico Internazionale non concederà l'accredito alle Olimpiadi di Rio de Janeiro a qualsiasi funzionario del ministero dello sport russo o a qualsiasi persona implicata nel sistema di doping di stato. E' quanto stabilito dal Comitato Esecutivo del Cio in una riunione d'emergenza convocata all'indomani della pubblicazione del rapporto della Wada sul presunto 'doping di Stato' di Mosca tra il 2010 e il 2015. La misura colpisce tra gli altri il ministro dello sport russo Vitaly Mutko. Inoltre il Cio ha chiesto a tutte le federazioni internazionali degli sport invernali, in seguito al report secondo cui ci sarebbero state delle manipolazioni sui campioni prelevati ai Giochi Olimpici di Sochi, di congelare i preparativi per l'organizzazione di grandi eventi in Russia, come Mondiali, prove di Coppa del Mondo o altri importanti appuntamenti internazionali.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Lombardia 2017 - Bergamo - Como - 247 km

Ciclismo, calcio, volley: ecco la tv sportiva su Lapresse.it

Dalla Ciclismo Cup, al Futsal e ai tornei giovanili di calcio. Dal beach volley al pugilato alla Mtb. Con PmgSport, un palinsesto online per chi ama lo sport

Pyeongchang 2018, atleti russi ricorrono al Tas contro l'esclusione dai Giochi

Ieri il provvedimento del Cio dopo il coinvolgimento del Paese nello scandalo doping. Wada: "Decisione consapevole"

Scandalo doping, Russia esclusa da Pyeongchang 2018

Ma alcuni atleti potranno gareggiare ugualmente sotto la bandiera olimpica

Diritti tv, MP & Silva: "Mai avuto rapporti 'riservati' con Galliani"

Il gruppo in una nota: "Ogni riferimento alla MP & Silva apparso sulla stampa è erroneo"