Domenica 08 Maggio 2016 - 18:30

Palermo, ex moglie di Schillaci: Non ho paura, voglio la verità

A Domenica Live focus sul caso di Rita Bonaccorsi

Domenica Live, ex moglie di Schillaci: Non ho paura, voglio la verità

"Prendetemi, arrestatemi, perché io di casa non esco! Non voglio uccidermi, voglio solo aiuto". A gridarlo a polizia, carabinieri e alla municipale è Rita Bonaccorsi, ex moglie di Totò Schillaci, in un video girato il 28 aprile scorso, giorno in cui è stata sfrattata dalla sua casa di Palermo. Le immagini sono state mandate in onda nel corso di Domenica Live, su Canale5. Rita è ospite in diretta di Barbara D'Urso, a cui racconta che da quel giorno vive in una tenda davanti all'abitazione: "Non ho paura di niente - racconta - voglio solo la verità. Faccio un appello a Orlando, a Crocetta e a Renzi: nessuno mi ha aiutata, dove sono le istituzioni?".

Ma perché Rita Bonaccorsi vive in una tenda? Lo scorso 28 aprile è diventato esecutivo lo sfratto a suo carico e la notte precedente si è sentita male, al punto da essere trasportata in ospedale. Qualcuno aveva anche ipotizzato che la donna avesse tentato il suicidio aprendo il gas in casa. Lo scorso gennaio la Cassazione ha stabilito che l'ex moglie di Schillaci deve risarcire i creditori per una vicenda datata 1992 e la casa, valutata circa 2 milioni di euro, serve proprio a ripagare il debito.

Nel 1992 la donna aveva 25 anni ed era sposata con il campione di calcio. Rita conobbe una 45enne che faceva la gioielliera e le due diventarono amiche. Poco dopo la storia con Totò finì e Rita accettò di fare la testimonial nel negozio dell'amica "per attirare - raccontò tempo fa - tanti calciatori". Poco tempo, spiegò la donna, "siamo andati a una fiera orafa e lei mi ha presentato a uno stand come la sua socia. Io non lo ero affatto, ma per educazione non ho detto nulla e tutto è finito lì". La gioiellieria subì poi una rapina e "la donna - riferì Rita alcuni mesi fa a 'Domenica Live' - viene dichiarata fallita nel 1994. Dopo due anni il tribunale di Torino mi estende il fallimento come socia apparente. Dopo 4 anni vengo assolta dal fallimento, ma nel frattempo mi vengono sequestrati tutti i conti. Io, però, ero del tutto estranea: non ero iscritta alla Camera di commercio, ero una casalinga, non sono mai stata socia della gioielleria". Bonaccorsi assicurò di non aver mai firmato alcun documento, ma ora è costretta a pagare i debiti di qualcosa di cui lei, ribadì, "non sapeva nulla".

"Sono una donna indifesa, che cosa ho fatto di male nella vita per meritarmi tutto questo? Io non lo capisco", dice tra le lacrime Rita nel video mandato in onda a Domenica Live. In studio a Domenica Live ci sono anche i suoi figli, Jessica e Mattia Schillaci. "Non voglio più vederla in queste condizioni - racconta la ragazza visibilmente commossa - Mia madre non ha mai voluto mettere a repentaglio la sua vita e quella degli altri, ma ha manifestato per un diritto, quello alla casa".

"Io dalla tenda non mi muovo - ribadisce Rita - sono abituata e non mi importa nulla. Voglio stare lì perché ho bisogno della mia casa (che al momento non è stata ancora venduta, ndr), dei miei oggetti e dei miei ricordi". "Io non voglio che lei stia lì - le risponde la figlia Jessica - ma un giorno tutti devono sapere che lei è una vittima ed è innocente". La ragazza, che insieme al fratello vive a casa del papà, racconta a sorpresa che ci sono due associazioni che si sono interessate della questione e "vogliono raccogliere dei soldi per aiutarci a pagare il debito e riprenderci così la casa".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nevicata in Piemonte - Disagi sulla A32 Torino Bardonecchia

Liguria, treno bloccato per il maltempo: 400 passeggeri al freddo

Il convoglio è rimasto fermo dalle 17 di domenica pomeriggio per circa 4 ore, a causa del fenomeno del gelicidio

Prima nevicata a Milano

Maltempo in arrivo in tutta Italia: allerta in Emilia Romagna, Liguria, Toscana

Calano le temperature. Attese pioggia e neve, attenzione per pericolo valanghe

È morto monsignor Antonio Riboldi, vescovo antimafia

Lo comunica la Curia di Acerra. Aveva 94 anni. Disse: "Meglio ammazzato che scappato dalla camorra"