Martedì 19 Aprile 2016 - 09:45

Domani presentazione black list dei cibi più contaminati

I prodotti arrivano sul mercato anche per le agevolazioni concesse dall'Unione Europea

Domani presentazione black list dei cibi più contaminati

La prima black list dei cibi più contaminati che arrivano sul mercato anche per le agevolazioni concesse dall'Unione Europea sarà denunciata ed esposta domani mercoledì 20 aprile dalle ore 9.00 alla mobilitazione di migliaia di agricoltori italiani con i trattori per difendere la dieta mediterranea Made in Italy, dentro e fuori al Palabarbuto in viale Giochi del Mediterraneo a Napoli, in Campania, dove visse per 40 anni lo scienziato del Minnesota Ancel Key che per primo ha evidenziato gli effetti benefici della dieta mediterranea.

 

Con il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e l'intera giunta nazionale ci saranno numerosi ospiti istituzionali tra i quali il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, il Governatore della regione Campania Vincenzo De Luca, il Governatore del Molise Paolo Di Laura Frattura, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. ll prodotto simbolo della giornata è la vera pizza 100% italiana, preparata sul posto dai pizzaioli acrobatici, sotto attacco di trucchi ed inganni che saranno svelati con la prima analisi dei rischi e dell'impatto economico nel Dossier Coldiretti sulle schifezze low cost che hanno invaso il mercato italiano nel 2015.

Una situazione che mette a rischio il futuro della produzione in Italia di grano, pomodoro, extravergine e mozzarella sotto l'attacco delle politiche comunitarie, delle distorsioni di mercato e delle agromafie che fanno affari sul Made in Italy a tavola come dimostra la scandalosa collezione dei prodotti che sarà smascherata nell'ambito della mobilitazione.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FILES-ITALY-POLITICS-NAPOLITANO-HEALTH

Napolitano dimesso dall'ospedale San Camillo di Roma

Era ricoverato dal 24 aprile dopo il malore e l'operazione al cuore

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti