Martedì 28 Febbraio 2017 - 10:45

Dj Fabo, Cappato: Spero di essere incriminato, voglio difendermi in processo

Il presidente dei Radicali ieri ha accompagnato in Svizzera Fabiano per il suicidio assistito e ha deciso di autodenunciarsi

Dj Fabo, Cappato: Spero essere incriminato, voglio difendermi in processo

"Io oggi mi autodenuncerò e spero di essere incriminato perché voglio difendere in un processo le regioni di principi costituzionali superiori, come la libertà e la responsabilità, a un codice penale che non fa nemmeno distinzione tra il suicidio in un momento di disperazione e l'aiuto a un malato nelle condizioni di Fabo".  Lo ha dichiarato a Radio24 Marco Cappato, presidente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni che ha accompagnato in Svizzera dj Fabo per morire. "Lo Stato deve assumersi le sue responsabilità", ha aggiunto Cappato spiegando che ora "lo stato deve scegliere: o fare finta di nulla e girare la testa dall'altra parte quando qualcuno va in Svizzera, e allora qui si crea un precedente, oppure incriminarmi. E spero che lo faccia".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi