Martedì 25 Aprile 2017 - 13:15

25 aprile, Mattarella: Ricordiamo senza odio e senza rancore

A Roma il ricordo della Liberazione sfila in cortei divisi. A Milano tensioni tra antifascisti e militanti di destra

Divisioni nel giorno del 25 aprile, Mattarella: Mai più fascismo e mai più guerre

Festa di Liberazione divisa quella che si celebra oggi a Roma. A nulla sono valsi gli appelli del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e quelli di tante forze politiche: Associazione nazionale partigiani e Comunità ebraica ricordano il 72esimo anniversario della liberazione dal nazifascismo in luoghi diversi della città. Le celebrazioni ufficiali si sono aperte con il ricordo istituzionale al Vittoriano: alle 9 il presidente della Repubblica Mattarella e il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, hanno depositato una corona all'Altare della patria. La sindaca Virginia Raggi è stata invece al Forte Bravetta, periferia sud ovest della città, dove ha aperto le celebrazioni della giornata prima di spostarsi in centro per seguire, insieme ai rappresentanti della Regione Lazio, entrambi le manifestazioni in programma.

DIVISIONI A ROMA. Al corteo promosso dall'Anpi, che come da tradizione terminerà a Porta San Paolo, non è presente la Comunità ebraica, come già lo scorso anno: motivo della rottura la presenza di associazioni e militanti filo palestinesi.  A superare le divisioni non è bastato neanche l'appello del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che nel ricevere al Quirinale gli esponenti delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma, ha sottolineato: "Giornate come questa ci riconducono alle origini della democrazia e della nostra convivenza, al sacrificio dei tanti che persero la vita per la libertà, per ridare all'Italia la sua dignità, Questi giorni riportano a sacrifici e a momenti storici incancellabili". "Tante storie personali hanno fatto in quel periodo la storia nazionale - ha aggiunto Mattarella - e costituiscono la base della nostro presente".

TENSIONI A MILANO. Tensione invece a Milano: "Questa mattina l'ennesima provocazione. Uno striscione con la scritta 'Partigiani assassini' è stato appeso in zona Chiesa Rossa e strappato dai militanti dell'Anpi del quartiere Stadera. È il terzo anno che ci sono queste provocazioni e la polizia non è intervenuta" ha detto dal palco un rappresentante dell'Anpi, durante la manifestazione con alcune centinaia di persone organizzata al Campo della gloria, al Cimitero Maggiore di Milano. In seguito  alcuni minuti di tensione al Campo X del Cimitero Maggiore di Milano fra alcuni militanti dei centri sociali e partecipanti al presidio antifascista e un gruppetto di uomini dell'ultradestra. Sono volati alcuni insulti. Da una parte le urla "assassini e codardi", dall'altra il coro "Ora e sempre Resistenza". C'è stato qualche saluto romano. Le forze dell'ordine sono subito intervenute per sedare gli scontri.

MATTARELLA A CARPI. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è al teatro comunale di Carpi, dov'è stato accolto da un coro di 80 bambini della scuola elementare Verdi, che con le loro magliette bianche, rosse e verdi occupano il palco formando un tricolore. Proprio le loro voci che , accompagnate dalla banda filarmonica di Carpi, hanno intonato l'Inno di Mameli e dato il via alla cerimonia intitolata 'Dalla storia dei padri al futuro dei figli', per celebrare la Liberazione. Il Capo dello Stato ha anche deposto una corona presso il Monumento ai Caduti di Piazza Martiri e ricordato i 5mila volontari della Brigata Ebraica.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha invitato a ricordare "senza odio nè rancore" la Resistenza e la Liberazione. "Ancora oggi - senza odio né rancore, ma con partecipazione viva e convinta - ricordiamo quegli eventi così tragici e pieni di valore, senza i quali non vi sarebbe l'Italia libera e democratica, senza i quali non avremmo conosciuto una stagione così duratura e feconda di sviluppo civile, di promozione dei diritti, di pace", ha detto Mattarella dal palco del teatro comunale di Carpi, dove ha preso parte alle celebrazioni per il 25 aprile. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

Incendio Ditta smaltimento rifiuti

Cosenza, tre morti in incendio in appartamento in centro

I vigili del fuoco hanno trovato i corpi carbonizzati.

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie