Venerdì 30 Settembre 2011 - 10:16

Disoccupazione cala, ad agosto è al 7,9%

operai

Roma, 30 set. (LaPresse) - Aumenta il numero delle persone che lavorano in Italia. Secondo l'Istat ad agosto gli occupati sono poco più di 23 milioni, in aumento di 26mila unità, pari allo 0,1%, rispetto a luglio, e in crescita dello 0,8% su agosto 2010. La crescita però riguarda solo gli uomini: per loro si registra un +0,2% su luglio mentre per le donne l'occupazione risulta stabile.

Di rilfesso scende il tasso di disoccupazione, che si attesta al 7,9%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto a luglio e di 0,4 punti su base annua. In controtenendenza, però, il tasso di disoccupazione giovanile sale: è pari al 27,6%, con un aumento di 0,1 punti percentuali rispetto a luglio e dello 0,8% rispetto ad agosto 2010.

Allargando lo sguardo al trimestre, però, lo scenario cambia: nel periodo compreso tra aprile e giugno il numero degli occupati è cresciuto rispetto allo stesso periodo del 2010 dello 0,4% ma si tratta di un dato dovuto esclusivamente allo sviluppo dell'occupazione femminile, mentre quella maschile è ferma. Stando ai dati sono solo gli stranieri a darsi da fare: mentre continua il calo dell'occupazione italiana (81mila unità in meno), l'occupazione straniera aumenta significativamente (168mila unità in più), anche se il relativo tasso di occupazione è ancora in discesa dal 63,6% del primo trimestre al 63,5% del secondo, segno che il numero di residenti stranieri aumenta più velocemente di quanti trovino lavoro. Il tasso di disoccupazione generale nel trimestre è pari al 7,8%, in calo rispetto all'8,3% del secondo trimestre 2010.

Nel complesso continua a diminuire, fa sapere l'Istat, il numero di lavoratori con contratto a tempo indeterminato, anche se meno del passato. Nel secondo trimentre il numero di occupati con questa tipologia di contratto cala dello 0,1%, pari a 19mila unità in meno, rispetto al corrispondente periodo 2010. Continua a crescere per contro il numero dei dipendenti a termine (+6,8%, pari a 149mila unità). Tornano a diminuire poi gli occupati a tempo pieno (-0,2% sul secondo trimestre 2010, pari a 32mila unità in meno), dopo il moderato aumento del trimestre precedente, mentre quelli a tempo parziale continuano invece ad aumentare (+3,4%, 119mila unità). "Ma si tratta - puntualizzano i ricercatori - ancora una volta, di part-time involontario".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Facebook, gli utenti potranno fare appello contro la rimozione dei post

Una novità per limitare gli eventuali errori di valutazione del social network

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Faro Ue sui 900 milioni ad Alitalia: "Timori su aiuto di Stato illegittimo"

Indagine sul prestito ponte. E la commissaria Vestager chiarisce che all'Italia non saranno fatti sconti