Domenica 02 Aprile 2017 - 11:45

Discovery, in prima tv il doc 'Il Sole: storia di una stella'

Tutti i rischi sull’eclissi totale che il 21 agosto interesserà gli Stati Uniti e l'Europa del nord

Discovery, in prima tv il doc 'Il Sole: storia di una stella' con la voce di Sting

Lunedì 3 aprile alle 21, in contemporanea su Discovery Science (Sky canale 405) e Discovery Channel (Sky canale 401 in HD e Discovery Channel+1 canale 402), andrà in onda in prima tv 'Il Sole: storia di una stella', documentario esclusivo - diretto dal regista Nathaniel Kahn, pluri candidato agli Oscar per 'My Architect' e 'Two Hands', e dal regista Paul Bozymowski, premio Oscar per 'Generation Astronaut' - realizzato da Discovery, che svela i lati oscuri del Sole. Il 21 agosto la stella più importante della nostra vita scomparirà dai cieli degli Stati Uniti e in buona parte dell’Europa del nord a causa di un’eclissi totale. Scegliendo sul telecomando l’opzione lingua originale è possibile ascoltare la voce narrante che nella versione americana è di una delle rockstar più note e amate a livello internazionale, Sting.

“Oggi, abbiamo solo 48 minuti di preavviso se una potenziale massa coronale dovesse colpire la Terra”, afferma Matt Mountain, presidente dell’Association of Universities for Research in Astronomy (AURA) nello speciale 'Il Sole: storia di una stella'. Si è sempre creduto che il sole fosse una stella innocua, ma dietro alla sua calma apparente si nasconde un lato oscuro che potrebbe provocare una catastrofica tempesta solare, com’è accaduto nel 1859 nell’impero britannico: le linee telegrafiche si sono interrotte e un’aurora boreale ha illuminato il cielo così intensamente che la popolazione poteva addirittura leggere il giornale di notte. Questi eventi potrebbero riverificarsi, paralizzando i nostri sistemi di comunicazione e bruciando nell’arco di pochissimo tempo le reti elettriche del pianeta, causando milioni di danni e riportandoci indietro di decenni.  

Grazie a 'Il Sole: storia di una stella' si potrà entrare per la prima volta all’interno di due laboratori dove scienziati e ingegneri sono al lavoro per prevedere in tempo queste tempeste solari attraverso due progetti: il DKIST, il più grande telescopio solare in costruzione in cima al monte Haleakala nell’isola di Maui (Hawaii) e il Nasa Solar Probe Plus, una sonda in fase di realizzazione nelle stanze del Johns Hopkins, progettata per volare sul sole e scoprire i segreti della misteriosa nube che lo circonda. “Solar Probe Plus e il Daniel K. Inouye Solar Telescope sono progettati per darci sguardi più profondi sul lato più oscuro del Sole - spiega Mountain -. Questo ci darà 48 ore di anticipo per proteggere le nostre comunicazioni, i satelliti Gps, le reti elettriche e internet da una potenziale devastazione”.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Television producer Shonda Rhimes speaks during a concert and campaign rally for U.S. Democratic presidential nominee Hillary Clinton in Philadelphia, Pennsylvania

Rhimes lascia Abc per Netflix: quale futuro per sue serie tv?

Netflix ha offerto a Rhimes "possibilità illimitate" e lei ha detto addio alla Abc con cui ha lavorato per 12 anni

Se Game of Thrones incontra Star Wars: duello con le spade laser

Il video è diventato virale tra i fan della serie tv della Hbo

X Factor, aperti i casting della nuova edizione di 'Strafactor'

X Factor, aperti i casting della nuova edizione di 'Strafactor'

A guidare la nuova giuria Elio, già mattatore dello show lo scorso anno insieme a Mara Maionchi

Grande Fratello VIP puntata speciale segreti e bugie

Serena Grandi e Malgioglio: ecco i nuovi concorrenti del GF Vip

Continuano le indiscrezioni sui nuovi in quilini della casa più famosa della tv: sicure anche Simona Izzo e Aida Yespica