Mercoledì 24 Febbraio 2016 - 09:30

Diritti umani, appello Amnesty-Saviano per ricordare Sacco e Vanzetti

Lanciato l'appello 'Here's to you' per invitare a lottare contro le ingiustizie nel mondo

Una scena del film 'Sacco e Vanzetti' del 1971

A quasi 90 anni dalla condanna a morte dei due anarchici italiani negli Stati Uniti, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, Amnesty International ha lanciato l'appello 'Here's to you', che ha come testimonial Roberto Saviano, per invitare a "lottare contro le ingiustizie nel mondo": ancora oggi, denuncia l'organizzazione, i diritti umani vengono costantemente violati in tutto il mondo, Italia inclusa. In Messico 43 studenti sono desaparecidos dal settembre 2014, in Arabia Saudita Raif Badawi è stato condannato al carcere e a mille frustate per aver creato un blog, in Cina Liu Xia e suo marito Liu Xiaobo sono privati della libertà per aver chiesto riforme democratiche, in Italia Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi, Riccardo Magherini, Francesco Mastrogiovanni, Giuseppe Uva sono morti mentre erano affidati allo Stato.

Il video-appello di Amnesty e Saviano è stato realizzato da Saatchi & Saatchi in collaborazione con Think Cattleya. Le persone che risponderanno all'appello avranno la possibilità di registrare un video della canzone 'Here's to you' (ballata degli anni '70 di Joan Baez ed Ennio Morricone in ricordo di Sacco e Vanzetti) sul sito herestoyou.it. Con i contributi raccolti, sarà realizzato un unico videoclip.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, incendio circolo Pd: ripreso da telecamere chi ha appiccato fiamme

Una persona è stata ripresa dal sistema di sorveglianza mentre appiccava le fiamme

Cernusco sul Naviglio, il luogo del lancio del sasso sulla statale

Caserta, marito e moglie sgozzati in casa a Parete

I carabinieri cercano il figlio che al momento è irreperibile

Manson

Morto Charles Manson, autore di una serie di omicidi 'satanici' negli anni '60

Fu uno dei criminali più feroci del ventesimo secolo. Tra le vittime del 'guru' della setta 'Family' anche Sharon Tate moglie del regista Roman Polanski