Mercoledì 24 Febbraio 2016 - 08:45

Diritti umani, Amnesty: Torture e maltrattamenti in 122 Stati

Presentato il Rapporto 2015-2016, violazioni dagli Usa all'Egitto. "Guerra in Siria è fallimento Onu"

Amnesty International, flash mob per il reato di tortura

"La protezione internazionale dei diritti umani rischia di essere compromessa a causa di interessi egoistici nazionali di corto respiro e dell'adozione di misure draconiane di sicurezza, che hanno dato vita a un assalto complessivo ai diritti e alle libertà fondamentali". E' l'ammonizione di Amnesty International alla comunità internazionale, in occasione del lancio del suo Rapporto 2015-2016, pubblicato in Italia da Infinito edizioni.

Nel 2015, denuncia l'organizzazione, molti Governi hanno "violato in modo sfacciato il diritto internazionale nel loro contesto interno: oltre 122 Stati hanno praticato maltrattamenti o torture e 30 Paesi hanno rimandato illegalmente rifugiati verso Paesi in cui sarebbero stati in pericolo. In almeno 19 Paesi Governi o gruppi armati hanno commesso crimini di guerra o altre violazioni delle 'leggi di natura'".

 "I diritti sono in pericolo considerati con profondo disprezzo da molti Governi del mondo - ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International -. Milioni di persone stanno patendo enormi sofferenze nelle mani degli stati e dei gruppi armati, mentre i Governi non si vergognano di descrivere la protezione dei diritti umani come una minaccia alla sicurezza, alla legge, all'ordine e ai 'valori nazionali'".

Secondo Amnesty i Governi "attaccano di proposito le istituzioni che hanno creato per proteggere i diritti di tutti riducendo i finanziamenti destinati a esse o ignorandoli". In molti Paesi attivisti, avvocati e altre persone che difendono i diritti umani sono "ridotti al silenzio e zittiti". "Siamo di fronte al palese tentativo di rendere i diritti umani parole sporche - denuncia Shetty -. Per fare questo i Governi hanno persino violato le loro stesse leggi".

DA GUANTANAMO ALL'EGITTO. Nel 2015 Amnesty International ha documentato "gravi violazioni dei diritti economici, sociali, politici e civili in molti Paesi". Tra questi: gli Stati Uniti, con il centro di detenzione di Guantanamo ancora aperto e l'assenza di procedimenti giudiziari nei confronti degli autori di torture e sparizioni forzate; il Regno Unito, con l'uso continuo della sorveglianza di massa per la lotta al terrorismo e i passi indietro per evitare lo scrutinio della Corte europea dei diritti umani; Israele, con il mantenimento del blocco militare nei confronti di Gaza e il mancato rispetto (così come per la Palestina) della richiesta delle Nazioni Unite di condurre indagini serie sui crimini di guerra commessi nel conflitto di Gaza del 2014; l'Egitto, con migliaia di arresti per chiunque esprima dissenso anche in modo pacifico, per centinaia di condanne a morte e per detenzioni prolungate di centinaia di persone senza accuse o processi; la Cina, con l'aumento della repressione contro i difensori dei diritti umani e l'adozione di leggi indiscriminate in nome della sicurezza nazionale; la Russia, con l'uso repressivo di leggi sulla sicurezza nazionale e il rifiuto di riconoscere le vittime civili degli attacchi in Siria e mosse spietate per fermare l'azione del consiglio di sicurezza sulla Siria; l'Arabia Saudita, con la repressione contro chi chieda riforme o critichi le autorità, i crimini di guerra nella campagna di bombardamenti in Yemen, l'ostacolo all'istituzione di una commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite sui crimini commessi da tutte le parti coinvolte nel conflitto in Yemen; il Messico, con 27mila sparizioni e la dura reazione alle critiche delle Nazioni Unite sul massiccio uso della tortura, quasi completamente impunito nonostante l'aumento delle denunce.

GUERRA IN SIRIA. Il conflitto in Siria è "uno degli orribili esempi del sistematico fallimento delle Nazioni Unite nel tenere fede al loro ruolo vitale nel rafforzamento dei diritti umani e nel chiamare a rispondere i responsabili delle violazioni". E' la denuncia di Amnesty in occasione della presentazione del Rapporto. Per Amnesty, il prossimo segretario generale, eletto nel 2016 e in carica da gennaio 2017, "erediterà un'organizzazione che ha raggiunto molti risultati ma che ha un disperato bisogno di un nuovo vigore". L'organizzazione chiede agli Stati membri e al consiglio di sicurezza di "mostrare coraggio nel pensare a nuove riforme, a partire dal modo in cui sarà eletto il nuovo segretario generale".

VERITA' PER REGENI. Anmesty ha lanciato la campagna #veritàpergiulioregeni e ieri, in occasione della presentazione del Rapporto, il portavoce Riccardo Noury è tornato sull'argomento: "L'Egitto deve dare una risposta chiara all'Italia. Non ci accontenteremo di niente di meno della verità - ha detto -. In quel Paese purtroppo la tortura è una prassi ancora molto utilizzata, le nostre istituzioni non possono accettare risposte posticce. Lotteremo finché non sapremo come è morto Giulio".

AGENDA PER L'ITALIA. La sezione italiana di Amnesty International porta avanti un programma di attività sui diritti umani in Italia che fa riferimento a un'agenda in 10 punti: un "documento politico", lo definisce l'organizzazione, con le richieste al sistema giuridico e politico italiano: da quella di introdurre il reato di tortura a quella di rispettare gli standard internazionali sul commercio delle armi, passando per la lotta all'omofobia e la transfobia. L'agenda è nata all'inizio del 2013 con la campagna 'Ricordati che devi rispondere', lanciata in vista delle elezioni politiche che hanno portato alla formazione attuale del Parlamento.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, Palma vieta affitto di appartamenti a turisti dopo proteste residenti

Il divieto dopo vari studi che hanno rivelato che solo 645 degli 11mila avvenivano con le adeguate licenze

Parigi, meeting annuale Vivendi 2018

Francia, Bolloré in stato di fermo per corruzione: avrebbe pagato tangenti in Africa

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, sarebbe implicato in una vicenda legata a concessioni portuali in Togo e Guinea

A Toronto un furgone piomba sul marciapiede travolgendo i passanti

Strage a Toronto, furgone travolge pedoni: 10 morti. Arrestato autista 25enne incensurato

Il giovane al volante è piombato sul marciapiede della Yonge Street. Ancora da capire il movente

Caso Alfie Evans: alta tensione e proteste davanti all’ospedale di Liverpool

Alfie, vivo dopo 11 ore senza macchine: "Gli hanno riattaccato l'ossigeno"

Il bimbo britannico è affetto da una grave malattia neurodegenerativa e i giudici hanno deciso di spegnere i macchinari che lo tenevano in vita