Martedì 11 Aprile 2017 - 18:30

Diritti tv, il gip di Milano nega gli arresti di Infront

Nell'inchiesta appaiono tra gli indagati anche Claudio Lotito, Enrico Preziosi e Gianluca Paparesta

Diritti tv, il gip di Milano nega gli arresti di Infront

Respinta la richiesta di arresto della procura di Milano per tre persone, tra cui due ex manager della società Infront. Lo ha stabilito il gip di Milano Manuela Accurso Tagano, scrive 'la Repubblica', a proposito dell'inchiesta sulla presunta assegnazione a favore di Mediaset dei diritti tv del calcio, avviata nella primavera del 2015. La decisione del giudice milanese cancella qualsiasi ombra sulla posizione di Riccardo Silva, patron della società Mp&Silva, leader sui diritti tv a livello mondiale. Nell'inchiesta appaiono tra gli indagati anche Claudio Lotito, presidente della Lazio, Enrico Preziosi, patron del Genoa, e Gianluca Paparesta, all'epoca dei fatti numero uno del Bari. Per il gip di Milano, che ha respinto le richieste di misura cautelare, i tre manager non apparterebbero ad un'associazione a delinquere ma, al massimo, a una 'lobby'. I pm milanesi Roberto Pellicano, Giovanni Polizzi e Paolo Filippini sono intenzionati a fare ricorso al Riesame contro la decisione del giudice che ha 'bocciato' i tre arresti.

Scritto da 
  • redazione
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ufficiale: Alisson al Liverpool, 62,5 milioni più 10 di bonus

L'addio ai giallorossi: "Due stagioni bellissime, ho dato tutto". La Roma saluta il portiere: “Buona fortuna per il futuro”

Fiorentina - Atalanta

Calciomercato, Gomez strizza l'occhio alla Lazio. United tenta Perisic

Il Napoli vuole Suso ma il Milan è pronto a blindare il suo gioiello

Liverpool v AS Roma File Photo

Incidenti Liverpool-Roma: tifoso dei Reds aggredito esce dal coma

Buone notizie per il 53enne picchiato da un gruppo di giallorossi prima della semifinale di andata di Champions

FBL-WC-2018-MATCH50-FRA-ARG

Inter su Di Maria se Perisic va allo United. Hazard apre al Real

Colpo grosso in cantiere per fronteggiare la nuova Juve con CR7