Lunedì 09 Maggio 2016 - 16:45

Dijsselbloem: Oggi nessuna decisione su riforme e debito greco

Sull'ipotesi di alleggerimento del debito della Grecia "ci sarà solo una prima discussione"

Jeroen Dijsselbloem

La decisione definitiva sul salvataggio della Grecia e sulla riduzione del debito è improbabile che sia presa oggi. Lo ha detto il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, entrando all'Eurogruppo informale sulla questione greca. Sull'ipotesi di alleggerimento del debito della Grecia "ci sarà solo una prima discussione, non mi aspetto alcuna decisione", ha affermato Dijsselbloem. "Discuteremo quando, se e in quali condizioni questa potrebbe avvenire", ha sottolineato il ministro delle Finanze olandese. Secondo Dijsselbloem serve tempo anche per esaminare le riforme proposte della Grecia, tra cui il cosiddetto 'pacchetto di contingenza'. "Scioglieremo il nodo il 24 maggio", ha spiegato il ministro, facendo riferimento alla prossima riunione dell'Eurogruppo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Continuano gli incendi in California alimentati dai forti venti

Usa, la California brucia ancora: distrutte case e 200mila evacuati. Il vento non si placa

Una donna è morta mercoledì in un incidente d'auto mentre provava a fuggire dalle fiamme nella contea di Ventura

Gerusalemme capitale d'Israele: proteste nel mondo contro il presidente Trump

Gerusalemme, Macron a Netanyahu: "Congela colonie, mossa Trump minaccia pace"

Scontri con morti e feriti per la decisione di Trump di riconoscere la città capitale di Israele. Lacrimogeni contro manifestanti in Libano

Il presidente Trump con la moglie Melania all'accensione del "National Christmas Tree"

L'ex presentatrice FoxNews contro Trump: "Provò a baciarmi"

Juliet Huddy ha raccontato a "Mornin!!! with Bill Schulz" l'episodio, che risale all'anno in cui il tycoon ha sposato Melania

L'esercito dell'Iraq combatte contro l'Isis a Hawija

Iraq, il premier: "Paese totalmente liberato dallo Stato islamico"

Il primo ministro iracheno, Haidar al-Abadi: "Pieno controllo dei confini con la Siria", ultima roccaforte mantenuta dall'Is