Martedì 05 Dicembre 2017 - 10:00

Dieci anni fa la strage Thyssen, Mattarella: "C'è ancora molto da fare per la sicurezza"

Sette operai morirono nell'incendio nell'acciaieria tedesca a Torino

Mattarella alla Scuola Superiore Sant'anna di Pisa per inaugurazione Anno Accademico

"Ogni morte sul lavoro è una perdita irreparabile per l'intera società. E dieci anni fa, nella notte del 5 dicembre 2007, sette operai morirono nell'incendio nell'acciaieria della Thyssenkrupp a Torino. Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, Giuseppe Demasi: è giusto ricordare i loro nomi perché è una ferita che non può rimarginarsi accettare che si possa morire sul lavoro e per il lavoro". Lo scrive in un messaggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del decimo anniversario del tragico rogo nella fabbrica tedesca a Torino.

"Il lavoro - aggiunge - costituisce il cardine del patto di cittadinanza su cui si fonda la nostra Repubblica ed è un diritto del lavoratore e un dovere della società che vengano rispettate ed applicate le norme sulla sicurezza. In questi dieci anni nella prevenzione degli incidenti e nel supporto agli infortunati sul lavoro sono stati fatti passi avanti, ma resta ancora molto da fare per far sì che la sicurezza venga considerata essa stessa un volano che contribuisce allo sviluppo. Ai familiari delle vittime e a coloro che in ogni altra tragedia sul lavoro hanno perso un collega, un amico, un familiare, rivolgo un solidale e affettuoso saluto". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015

Genova, crollo Ponte Morandi: Giuseppe Conte e Luigi di Maio dopo la riunione del Ccs

Genova, scontro sulla concessione. Atlantia a picco: "Ci spetta valore residuo". Di Maio: "Pensa solo ai soldi, vergogna"

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade: il titolo a picco. Salvini attacca: "Autostrade sospenda pedaggi e dia 500 milioni"