Martedì 29 Agosto 2017 - 17:45

Diciottenne investe un ciclista e se ne va a casa a dormire

Eraclea (Venezia) il giovane ha ucciso con l'auto un turista sloveno, è fuggito, ha detto ai genitori di aver forato una gomma e si è messo a letto. Fermato

Brescia, pattuglia dei Carabinieri

Uccide un ciclista, lo lascia sull'asfalto e se ne va a casa a dormire. Un 18enne di Eraclea, nel veneziano, verso le 6 di mattina percorreva in auto la strada provinciale 90 nei pressi dello svincolo di Torre di Fine, quando ha travolto e ucciso un turista 60enne sloveno che stava viaggiando in bicicletta. Il ragazzo, però, non si è fermato. É tornato a casa e si è messo a letto. Ai genitori ha raccontato di aver forato, ma la ruota squarciata e le vistose ammaccature sulla carrozzeria dell'auto non li hanno convinti. Sono stati proprio loro a persuadere il figlio a andare nella caserma dei carabinieri di San Donà di Piave e raccontare tutto. Il ragazzo è stato fermato con l'accusa di omicidio stradale e omissione di soccorso.

A chiamare i soccorsi è stata una signora che è passata dallo svincolo di Torre di Fine pochi minuti dopo l'incidente. Il ciclista era a terra in una pozza di sangue e il personale del 118 non ha potuto far altro che constatarne la morte. I carabinieri hanno anche trovato alcuni pezzi di carrozzeria sul luogo dell'impatto. Arrivati a casa del ragazzo si sono trovati davanti l'auto dell'investitore. il giovane dormiva. Lo hanno fatto vestire e portato in caserma per accertamenti. Il sospetto è che il 18enne possa essersi messo al volante sotto l'effetto di alcol e droga.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vicenza, tir su auto in coda. Tre morti carbonizzati

E' successo sulla A31 nei pressi del casello Albettone Barbarano in direzione Vicenza. Tre auto hanno preso fuoco

Bassano, addio a Giuseppe Nardini, 91enne, "re della grappa"

E' morto il leader della famiglia che produce (dal 1779) una delle più note grappe italiane

"Caro razzista, caro fascista...". Laeticia per il trionfo dell'umanità

Una scritta orribilmente razzista nei bagni di Ca' Foscari a Venezia. Una ragazza di colore raccoglie la provocazione e risponde con una lettera bellissima