Martedì 01 Marzo 2016 - 12:45

DiCaprio lancia appello per pulire Perù da sversamenti petrolio

L'attore, fresco di Oscar, invita i suoi follower a partecipare alla raccolta firme dell'Amazon Watch

Leonardo DiCaprio

Leonardo DiCaprio, fresco dell'Oscar come migliore attore protagonista per 'The Revenant-Redivivo', ha chiesto alle autorità del Perù di pulire le zone dell'Amazzonia peruviana inquinate dal petrolio a causa dei recenti sversamenti nelle aree fluviali. DiCaprio, ambasciatore Onu per l'ambiente, ha esortato i suoi fan, con un appello lanciato su Facebook e Twitter, a partecipare alla raccolta firme dell'Amazon Watch per invitare il primo ministro peruviano Pedro Cateriano a proteggere le comunità locali e indigene colpite dalla fuoriuscita di petrolio.

"Almeno due devastanti fuoriuscite di petrolio si sono verificate i mesi scorsi nell'Amazzonia peruviana. Migliaia di barili di petrolio sono stati versati nei fiumi", ha detto DiCaprio unendosi alla voce di Amazon Watch che accusa la compagnia di stato Petroperù di dover rispondere di disastro ambientale in quanto responsabile del funzionamento del gasdotto in cui si sono verificate le perdite.

"E' ora di proteggere l'Amazzonia, le popolazioni indigente e il clima globale", ha detto DiCaprio, che nel suo discorso sul palco degli Oscar ha ricordato che il cambiamento climatico è una minaccia reale e urgente per la nostra specie e ha invitato i leader politici ad agire "in nome dell'umanità". 

Le due fuoriuscite di petrolio del cantiere Norperuano hanno causato il ferimento di 250 persone che hanno accusato forti mal di testa per le esalazioni e altre 5700 persone sono state colpite, secondo l'ultimo bilancio presentato dall'Istituto nazionale di protezione civile (Indeci). Il primo incidente è avvenuto il 25 gennaio e sono stati versati tra i duemila e i tremila barili di petrolio che hanno raggiunto il fiume Chriaco, affluente del fiume Maranon che va a formare il Rio delle Amazzoni. La seconda fuoriuscita è avvenuta il 3 febbraio nel comune di Morona nella regione di Loreto, in cui è stata versata una quantità non ancora definita di petrolio che ha inquinato il fiume Mayuriaga e Morona, altri affluenti del Maranon.

La società petrolifera Petroperù è stata multata con un'ammenda di circa 3 milioni e mezzo di dollari dall'agenzia di Sorveglianza e regolazione dell'energia (Osinergmin) per non aver mantenuto l'integrità del gasdotto. Il gasdotto trasporta il petrolio estratto nella giungla peruviana fino al sito portuale Bayovar, nell'oceano Pacifico, lungo un percorso di 854 chilometri in cui si trovano cinque stazioni di raccolta in grado di stoccare fino a 3,5 milioni di barili insieme.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Tom Hanks lancia programma di assistenza a veterani invalidi

Tom Hanks lancia programma di assistenza a veterani invalidi

Ha dato il via all'iniziativa insieme all'ex senatrice Elizabeth Dole

A Los Angeles in vendita la villa di DiCaprio per 2,4 milioni di dollari

A Los Angeles in vendita la villa di DiCaprio per 2,4 milioni di dollari

Quattro camere da letto, tre bagni e una piscina da mille e una notte

'Fuocoammare' di Rosi candidato italiano all'Oscar

E' 'Fuocoammare' di Rosi il film italiano candidato all'Oscar

Il film sui migranti ambientato a Lampedusa ha già vinto l'Orso d'oro a Berlino

E' morto il critico cinematografico Gian Luigi Rondi: aveva 94 anni

Morto critico cinematografico Gian Luigi Rondi: aveva 94 anni

Ha diretto la mostra di Venezia ed è stato presidente del Festival di Roma