Domenica 13 Agosto 2017 - 10:45

Di Maio: Pertini mio modello, continuerò ad ispirarmi a lui

"Su Almirante ho solo detto che, girando l'Italia, ho incontrato tanti nostri elettori che avevano Almirante, De Gasperi o Berlinguer come riferimento"

Di Maio: Pertini mio modello, non possono impedirmi di ispirarmi a lui

"Pertini è il mio personale modello di riferimento e trovo assurdo che qualcuno voglia impedirmi di ispirarmi a lui. Su Almirante ho solo detto che, girando l'Italia, ho incontrato tanti nostri elettori che avevano Almirante, De Gasperi o Berlinguer come riferimento. Per dire che nel Movimento si sono superati gli schieramenti ideologici. Abbiamo messo insieme persone sulla base di valori anche opposti". Così il vicepresidente della Camera e deputato del Movimento 5Stelle, Luigi Di Maio in una intervista a Repubblica. Per quanto riguarda la situazione a Roma e le continue critiche sulla gestione della città il candidato in pectore dei grillini attacca: "Quelli che ci criticano ma che Roma l'hanno spolpata viva per 20 anni, dovrebbero solo tacere e lasciarci lavorare. Da Virginia Raggi si pretendono miracoli in un anno mentre Renzi nonostante il suo fallimento totale viene riproposto premier. Ai romani dico che dopo il secondo anno vedranno i primi risultati: se vuoi fare bene le cose, serve tempo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

D'Alema attacca: "Renzi scadente imitatore di Berlusconi"

Il leader di Leu parla ad Agorà. Obiettivo elettorale? "Le due cifre". Caso Boschi? "Comportamento inopportuno"

Residenza Ripetta. Convegno "Servizi pubblici e nuova politica" con Luigi Di Maio

Elezioni, Di Maio apre alle alleanze: "Se non prendiamo il 40%, governeremo con chi ci sta"

Il candidato premier M5s contrario al Gentiloni bis: "Mi terrorizza". E pronto al confronto tv con gli altri sfidanti. Di Battista non sarà tra i ministri

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari