Domenica 12 Novembre 2017 - 21:45

Di Maio: "Non potevo legittimare Renzi, anche in Pd è in discussione"

Il candidato premier M5S spiega così il dietro front sul faccia a faccia con il segretario dem

Presentazione del libro Morte dei Paschi

"Sapevo che sarebbe andata male per il Pd ma non così male. Non potevo andare in tv e legittimare Renzi, una persona che lo stesso partito sta mettendo in discussione". Luigi Di Maio spiega così, ai microfoni di Fabio fazio a 'Che tempo che fa', la scelta di ritirarsi dal faccia a faccia che lui stesso aveva proposto al segretario del Pd Matteo Renzi.

Il candidato premier del M5s non risparmia una stoccata al Rosatellum: "Questa è una legge elettorale fatta in modo da favorire un accordo tra Forza Italia e Pd, ma i numeri per fare l'accordo non li avranno. Noi, anche dopo il risultato in Sicilia, possiamo arrivare al 40% e rompere il loro giochetto". E ha aggiunto: "Se noi la sera delle elezioni saremo la prima forza politica del paese, e Pd e Forza Italia non avranno i numeri per fare un governo, diremo a tutti: non venite a chiederci le poltrone o posti, se c'è convergenza sui temi si va dal presidente della Repubblica e si fa un governo". 

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, ballottaggio M5S-Cdx tra allarme sicurezza e incubo astensionismo

Un voto che, a suo modo, rappresenta un test di rilevanza nazionale

Dibattito confronto tra le candidate presidenti del X Muncipio

Ostia,ballottaggio blindato ma si chiude senza big. Scintille Meloni-M5S

Al primo turno la candidata pentastellata Di Pillo è stata la più votata con il 30,21%, seguita da quella del centrodestra Picca con il 26,68%

Paolo Gentiloni e Walter Veltroni alla presentazione del libro "Quando"

Gentiloni: "Il centrosinistra sia largo e unito"

Il premier avverte: "Rifugiarsi nella nostalgia del passato è un rischio drammatico"

Gianfranco Fini ospite a "Porta a Porta"

Gianfranco Fini in Procura. E' stato sentito sul caso Tulliani

E' indagato per riciclaggio. Il cognato alla testa di un'organizzazione criminale che faceva girare milioni