Domenica 12 Novembre 2017 - 21:45

Di Maio: "Non potevo legittimare Renzi, anche in Pd è in discussione"

Il candidato premier M5S spiega così il dietro front sul faccia a faccia con il segretario dem

Presentazione del libro Morte dei Paschi

"Sapevo che sarebbe andata male per il Pd ma non così male. Non potevo andare in tv e legittimare Renzi, una persona che lo stesso partito sta mettendo in discussione". Luigi Di Maio spiega così, ai microfoni di Fabio fazio a 'Che tempo che fa', la scelta di ritirarsi dal faccia a faccia che lui stesso aveva proposto al segretario del Pd Matteo Renzi.

Il candidato premier del M5s non risparmia una stoccata al Rosatellum: "Questa è una legge elettorale fatta in modo da favorire un accordo tra Forza Italia e Pd, ma i numeri per fare l'accordo non li avranno. Noi, anche dopo il risultato in Sicilia, possiamo arrivare al 40% e rompere il loro giochetto". E ha aggiunto: "Se noi la sera delle elezioni saremo la prima forza politica del paese, e Pd e Forza Italia non avranno i numeri per fare un governo, diremo a tutti: non venite a chiederci le poltrone o posti, se c'è convergenza sui temi si va dal presidente della Repubblica e si fa un governo". 

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grillo lascia il blog Cinque stelle e ne lancia uno nuovo: "Utopia per andare avanti"

Divisione storica con la Casaleggio associati. Il comico genovese: "Bisogna essere sempre curiosi, il mio mantra è questo qui"

Milano, Matteo Salvini ospite della Club House di Brera

Salvini contro Berlusconi: "Se il 3% imposto dall'Ue ci danneggia non esiste"

Il leader Lega contrario all'alleato che ha definito il limite discutibile, ma una regola che verrà rispettata

Elezioni Politiche - I simboli dei partiti depositati al Viminale

Elezioni, programmi a confronto: le promesse dei partiti da meno tasse a più lavoro

A poco più di 40 giorni dal voto, i leader tentano fughe in avanti per differenziarsi dai competitors. Ma in realtà le proposte degli schieramenti non sono poi così distanti

Milano, assemblea circoli Pd

Burioni dice no a Renzi: "Non mi candido, ma la mia lotta continua"

Il medico e volto della campagna pro vaccini: "Combatterò per la verità contro le bugie fuori dal Parlamento". E agli elettori: "Evitate i cialtroni"