Mercoledì 08 Febbraio 2017 - 19:30

Di Maio: Noi non siamo classe dirigente, ma andremo al governo

"Nel passato ha distrutto il Paese"

 Di Maio: Noi non siamo classe dirigente, è un termine da abolire

"A questo tavolo la classe media è 35 anni. Qui non c'è una classe dirigente, classe dirigente è un termine da abolire. Perché la classe dirigente del passato ha distrutto questo Paese". Così Luigi Di Maio al convegno con i sindaci M5S dove è presente anche la sindaca di Roma Virginia Raggi. Di Maio risponde a un editoriale del quotidiano della Stampa. "Noi non siamo classe dirigente ma la classe che resiste a quanti hanno distrutto le cose attorno a noi. Siamo la generazione che sta provando a cambiare le cose fatte dalla vecchia classe dirigente", ha aggiunto Luigi Di Maio.

"Noi ci andremo al governo. Noi siamo gli unici a poter ambire al 40%. E presenteremo il conto a quel signore che ha governato prima e gli chiederemo quanti soldi ci sono nelle sue fondazioni".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi