Venerdì 27 Ottobre 2017 - 08:15

Di Maio: "Mattarella non firmi la legge". D'Alema "Gentiloni è un bugiardo"

Pesanti attacchi dall'M5S e da Mdp al "Rosatellum Bis" e al premier. Elogi a Grasso che lascia il Pd

Roma, la protesta del m5s contro il voto sulla legge elettorale

Pesanti attacchi da Di Maio e D'Alema al governo, a Gentiloni e alla legge elettorale appena approvata. Per il candidato premier del M5S, Mattarella "non dovrebbe firmarla perché è palesemente incostituzionale"; secondo l'ex leader Pd ed ex premier del centrosinistra, "Gentiloni esce profondamente ridimensionato. E' diventato come Renzi, ufficialmente un bugiardo".

Luigi Di Maio - Questa mattina Di Maio era ad Agorà, il programma di Rai3. Chiedendo a Mattarella di non sottoscrivere il testo del "Rosatellum Bis" approvato al Senato con cinque voti di fiducia, l'esponente del M5S ha detto che il Capo dello Stato "dovrebbe tener conto" del gesto del presidente del Senato Pietro Grasso che, ieri, ha formalmente lasciato il gruppo Pd in pieno contrasto con la nuova legge elettorale e, soprattutto, con il modo in cui è stata approvata. "Hanno storpiato  la legge che porta il nome dello stesso presidente Mattarella - ha aggiunto Di Maio - È successo qualcosa di clamoroso, la Lega ha votato la fiducia al governo Pd, insieme a Fi, Verdini e Alfano. Si sono messi tutti insieme contro il M5S". E poi:

"Se anche Pietro Grasso lascia il Pd, nel Pd rimangono Renzi e i Renzi boys. Hanno preferito Verdini a Grasso". E ancora, sul presidente del Senato:

"Quello che farà Piero Grasso dipende esclusivamente da lui. Non è una persona che può essere tirata per la giacchetta. Questa consonanza di giudizio però mi fa piacere, perché è un uomo che stimo profondamente".

A Di Maio è stata rivolta anche una domanda sulla sua indipendenza da Grillo nel caso diventasse premier: "Il presidente del Consiglio dei ministri risponde al Paese. Le pare che debba decidere qualcun altro che non è nemmeno eletto? Decide il governo".

Massimo D'Alema - D'Alema, invece, era ospite di Massimo Giannini a "Circo Massimo" su Radio Capital. "Dubito della costituzionalità della legge elettorale. Penso che si tratti di una pessima legge che inganna gli elettori. Perché si formeranno nei collegi delle ammucchiate elettoralistiche. Non si prevedono né un programma né un candidato unico per la presidenza del Consiglio. In più c'è un meccanismo perverso delle leggi civetta". Insomma, "non garantisce governabilità e non rappresenta il Paese". "Il presidente della Repubblica - prosegue D'Alema - normalmente firma le leggi, sono atti dovuti. Abbiamo avuto illustri esempi di leggi bocciate poi dalla corte costituzionali". Poi l'attacco diretto a Gentiloni accusato di essere diventato "ufficialmente" un bugiardo "come Matteo Renzi".

D'Alema ha poi risposto a una domanda di Giannini: "Il ricatto del voto utile non funzionerà. Molti elettori pensano che sia utile votare per la sinistra e inutile votare il Pd. Anche perché se il 'voto utile' avesse funzionato, il Pd non avrebbe perso tutte le amministrative degli ultimi mesi. Le soglie di sbarramento? Non ci spaventa nulla. Non è più questione di soglie",

Pietro Grasso - E Agorà ha sentito anche il presidente del Senato, Pietro Grasso:

"Domani sono in ufficio, in Senato. Questo è il mio futuro" ha risposto Grasso alla domanda su cosa farà adesso.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca (59,6%). Centrodestra sconfitto

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Battuta Monica Picca: "Ha vinto con i voti di Casa Pound"

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è il nuovo minisindaco con il 59% dei voti

Sconfitta, al ballottaggio, Monica Picca, candidata del centrodestra. Ha votato il 33,6 dei 185mila aventi diritto

Ballottaggio elezioni Ostia

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca con il 59,6%. Sconfitto il centrodestra

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Netta sconfitta per Monica Picca (centrodestra) ferma al 40,4%

Assemblea nazionale di Articolo 1 - Mdp

Mdp e Si chiudono al Pd: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci vediamo dopo le elezioni"

Nette le parole di Speranza: "Dobbiamo uscire dal teatrino di questi giorni. Renzi è un nome del passato non del futuro"