Domenica 29 Maggio 2016 - 15:15

Di Maio: Io candidato premier? Ci sono se gli iscritti lo vorranno

Il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio è stato intervistato a 'In 1/2h'

Di Maio: Io candidato premier? Ci sono se gli iscritti lo vorranno

"Se gli iscritti al Movimento 5 Stelle individueranno in Luigi Di Maio il candidato presidente del Consiglio, io sarò disposto a farlo". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio intervistato a 'In 1/2h' in merito alla sua disponibilità ad essere il premier designato dal M5S.

;a Di Maio avverte: "Non saremo noi a chiedere le dimissioni di Renzi se dovesse vincere il no al referendum o dopo un eventuale contraccolpo del Pd alle amministrative", aggiungendo di non volere "personalizzare" le due votazioni.

A proposito del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, invece, Di Maio ha detto: "Non l'ho sentito. C'è una procedura in corso e qualunque interferenza potrebbe inficiarla. In questa fase dobbiamo chiarire cosa è successo. Parma ha un sindaco che sta lavorando per i cittadini, e dall'altra parte c'è una procedura interna perchè il garante ha visto che il sindaco aveva nascosto per tre mesi un avviso di garanzia".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"