Lunedì 27 Febbraio 2017 - 12:30

Di Maio: Attendevamo legge elettorale, invece vogliono vitalizi

Attacco del Movimento Cinque Stelle al Pd

Di Maio: Attendevamo legge elettorale, invece vogliono vitalizi

Quella di Richetti è una proposta datata 9 luglio 2015 vale a dire dopo che avevano già bocciato le nostre mozioni e proposte per l'abolizione dei vitalizi. Quella di Richetti è la proposta usata come foglia di fico per nascondere le vergogne del Pd". Così Riccardo Fraccaro (M5S) durante la conferenza stampa alla Camera sulla proposta di legge sul trattamento pensionistico dei parlamentari.

 "Oggi, non so se qualcuno se lo ricorda, doveva arrivare in aula la legge elettorale. Poi nel silenzio generale l'hanno fatta slittare e ci hanno detto chiaramente così che non si può andare a votare a giugno ma nel 2018 e ci hanno detto che vogliono prendere le pensioni arrivando fino al 15 settembre" ha aggiunto Di Maio, rincarando la dose. "Renzi ha tutto l'interesse di tenere i suoi a pascolare in Parlamento fino alle prossime elezioni perché parte di quello che prendono i parlamentari va nelle fondazioni di Matteo Renzi. Ci dimostrino con i fatti che non è così, altrimenti sarà sempre il solito Pd di renziana memoria" ha sottolineato Di Maio.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer