Martedì 24 Gennaio 2017 - 21:30

Di Battista: Raggi ha sbagliato ma revocò nomina Renato Marra

Il parlamentare M5S paragona la vicenda della sindaca con quella di Nogarin

Di Battista: Raggi ha sbagliato ma subito revocò nomina Renato Marra

"Raggi ha ammesso di essersi fidata della persona sbagliata. Sui dirigenti uno su quattro è indagato. Ha sbagliato probabilmente a mettere una firma. Ma è anche vero che questa nomina è stata subito revocata. Non sarà l'ultima volta che un amministratore del M5s commette un errore". Lo ha detto Alessandro Di Battista, del M5s, a La7, parlando della nomina da parte della sindaca di Renato Marra come capo del dipartimento Turismo.

"Lo scorso anno Nogarin, il sindaco di Livorno, ricevette un avviso di garanzia. Dissero che avremmo fatto fallire la municipalizzata dei rifiuti. Noi la volevamo invece salvare senza metterci i denari dei livornesi e senza tagliare i servizi pubblici. Oggi quella società è salva e ce l'abbiamo fatta. E' una battaglia, non ci regalano niente".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, il candidato PD alla presidenza della regione Giorgio Gori ad un convegno

Migranti, Gori: "Grave che avvocato non capisca la Costituzione". Fontana: "Mia espressione infelice"

Il candidato Pd per la regione Lombardia commenta la frase shock dello sfidante di destra

Torino, Il candidato premier M5s Luigi Di Maio a pranzo con i vertici del Movimento

Parlamentarie M5S, Rousseau a singhiozzo. Disagi e proteste

Molte lamentele perché non si riesce a votare o mancano i nomi di alcuni candidati. Per i collegi uninominali sceglierà Di Maio

Porta a Porta. Ospite Beatrice Lorenzin

Lazio, Lorenzin contro LeU e avverte Zingaretti: "Pronta a candidarmi"

E' possibile che, a livello nazionale, Civica popolare vada con il Pd ma, a livello locale, corra da sola il 4 marzo nell'Election Day

Fontana insiste: "Anche nella Costituzione si parla di razze". E Salvini lo difende

Il candidato di centrodestra in Lombardia: "No al piano Gori-Bonino"