Sabato 18 Febbraio 2017 - 09:00

Franceschini, appello al Pd: Fermiamoci, no a scissione

Delrio: "Sarebbe la frattura nella diga contro i populismi e la rabbia sociale".

Il ministro Franceschini

Milano, 18 feb. (LaPresse) - "Non vi chiedo 'Fermatevi', vi dico 'Fermiamoci'. Per il nostro popolo dopo una scissione non ci saranno innocenti, saremo tutti colpevoli". Così, sul suo profilo twitter, il ministro dei Beni e attività culturali, Dario Franceschini.

DELRIO: SCISSIONE APRE STRADA A POPULISMO. "Faremo di tutto, fino all'ultimo secondo. La scissione sarebbe una grande sconfitta, per tutti. In primo luogo per chi la provoca, ma anche per tutto il gruppo dirigente". Così, intervistato dal Corriere della Sera, il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio. "La scissione sarebbe la frattura nella diga, che oggi è ancora solida contro i populismi e la rabbia sociale. Ma io sono anche convinto che nessuno possa imputare a Renzi il minimo di responsabilità", continua il ministro.

"Renzi ha fatto ogni sforzo possibile, si è mostrato sempre disponibile a seguire le indicazioni della minoranza - aggiunge Delrio - Lui voleva fare il congresso a dicembre, poi ha accettato di posticiparlo, quindi gli anni chiesto che il partito fosse contendibile, con primarie aperte. E infine dai candidati, Rossi, Speranza, Emiliano e anche Cuperlo, si è alzata la richiesta prepotente del congresso subito".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito