Mercoledì 06 Dicembre 2017 - 12:00

Deraglia treno Cosenza-Paola con 150 passeggeri a bordo: feriti lievi

Ancora da capire i dettagli dell'incidente

TRENITALIA PRESENTA "MINUETTO", NUOVO TRENO REGIONALE DISEGNATO DA GIORGETTO GIUGIARO

Un treno della tratta tra Cosenza e Paola è deragliato nella mattinata verso le 10. Si tratta del convoglio regionale 3742, partito alle 9.37 da Cosenza e diretto a Paola: il deragliamento è avvenuto nella galleria Santomarco. Ancora da capire i dettagli dell'incidente: il macchinista avrebbe avuto un malore e il treno sarebbe uscito dai binari. A bordo 150 passeggeri, alcuni dei quali sono rimasti feriti in maniera lieve.

Secondo le prime informazioni, solo il macchinista è stato portato in ospedale. La tratta è stata chiusa per mettere ai soccorsi di intervenire. Sul posto infatti sono presenti la polizia ferroviaria, i sanitari del 118 e due squadre dei vigili del fuoco di Paola e Rende.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale