Martedì 04 Aprile 2017 - 20:45

Delrio: Il Pd non è e non diventerà mai il partito di Renzi

Questo è un partito che ha ancora 'spinta propulsiva'

Delrio: Il Pd non è e non diventerà mai il partito di Renzi

"Penso che nei circoli abbia convinto la nostra proposta, Renzi ha governato il Paese, l'85% degli elettori del Pd ha votato sì al referendum, stiamo convincendo. Pd fortino di Renzi? Non ho questa sensazione, non è affatto il partito di Renzi e non potrà mai diventare il partito di Renzi, Orlando o Emiliano. Rimarrà sempre il Partito democratico". Così Graziano Delrio ospite a 'diMartedì' su La7. Il Pd "ha una spinta propulsiva che sta nella proposta e sta nel fatto che questo Paese ha fatto dei passi avanti. Quando dico che la disoccupazione giovanile è scesa di 7-8 punti dal 2014 è un segnale che qualcosa è stato fatto. Il Paese si è messo nella direzione giusta, ora serve che vada completata" ha aggiunto Delrio. "Nelle democrazie bisogna aver la capacità di decidere, è peggio non decidere. In tutte le democrazie i capi di partito sono i capi di governo".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Regeni, 4 settembre informativa governo su rapporti Italia-Egitto

Regeni, a settembre governo informerà su rapporti con Egitto

Sinistra Italiana attacca: "E' urgente, rinvio è inaccettabile"

Salvini al Palasport di Ponte di Legno per il tradizionale comizio di Ferragosto

Lega, Salvini a Ponte Legno e Bossi a Pontida 'separati in casa'

Salvini e Bossi: una distanza non solo logistica ma soprattutto politica: Salvini alle prossime elezioni nazionali potrebbe presentare una nuova Lega a vocazione nazionale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network