Martedì 05 Dicembre 2017 - 15:00

Dell'Utri dal carcere: "Non ce la faccio più, mi sento provato e stanco"

I legali dell'ex senatore Pdl hanno discusso l'istanza di scarcerazione per motivi di salute. È attesa nei prossimi giorni la decisione del tribunale di sorveglianza

Roma, al via il Consiglio nazionale di Forza Italia

"Non ce la faccio più, mi sento provato e stanco". Sono le parole che l'ex senatore Pdl Marcello Dell'Utri ha detto ai suoi legali, gli avvocati Alessandro De Federicis e Simona Filippi, che hanno discusso l'istanza di scarcerazione per motivi di salute presentata al Tribunale di Sorveglianza di Roma. I giudici si sono riservati sulla richiesta, alla quale si oppone il sostituto procuratore generale Pietro Giordano.

Dell'Utri è detenuto nel carcere di Rebibbia dove sconta una condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

È attesa, quindi, nei prossimi giorni la decisione del tribunale di sorveglianza. Nell'udienza a porte chiuse che si è tenuta a piazzale Clodio, i periti del tribunale si sono pronunciati per la compatibilità delle sue condizioni di salute con il regime carcerario, mentre parere contrario e stato dato dai medici consulenti della procura generale. Parere contrario alla scarcerazione anche dal sostituto procuratore generale Pietro Giordano.

"Speriamo che il tribunale non perda di vista il problema - sottolineano gli avvocati Alessandro de Federicis e Simona Filippi - e cioè che un uomo di 76 anni, da diverso tempo, sta espiando la sua pena girando per vari reparti ospedalieri per evidenti problemi di natura oncologica e cardiocircolatoria. La detenzione domiciliare o ospedaliera, come hanno valutato i nostri consulenti, è una soluzione più che ragionevole, oltre che umana".

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms denuncia: "Libia lascia morire donna e bambino in mare". E attacca l'Italia

Salvini replica: "Da ong bugie e insulti, porti italiani chiusi". Quattro persone disperse dopo tuffo dal barcone, fermati gli scafisti

Migranti, Ue stoppa Salvini su porti in Libia. Sì alla mediazione Conte

La Commissione spinge per "soluzioni europee" e maggiore cooperazione tra gli Stati. No categorico sulla possibilità di riconoscere i porti libici come sicuri

Montecitorio. Manifestazione del Movimento 5 stelle contro il Rosatellum

Decreto Dignità, Fico: "Credo a Di Maio". E la 'manina' diventa un'ossessione

Per il ministro "il numero della relazione una questione da chiarire ancora"

Funerali di Carlo Vanzina alla Basilica di Santa Maria degli Angeli

Vigilanza Rai, Berlusconi vuole Barachini. Per Consulta accordo su Antonini

La candidatura potrebbe essere apprezzata anche dal Movimento 5 Stelle