Martedì 08 Marzo 2016 - 17:30

Pordenone, madre Trifone: Capii che Ruotolo era marcio

Intervistata a Pomeriggio 5 racconta: "Quando erano morti, appena morti, mi chiese 10 euro che voleva indietro"

Delitto Pordenone, madre Trifone: Capii che Ruotolo era marcio

Pomeriggio 5, condotto da Barbara d'Urso, intervista durante la puntata di oggi la famiglia di Trifone Ragone, ucciso insieme con la fidanzata Teresa Costanza la sera del 17 marzo scorso in un parcheggio davanti al Palazzetto dello Sport di Pordenone. Per l'omicidio è stato arrestato il commilitone Giosué Ruotolo. "Noi abbiamo con tenacia fatto per tutta l'estate indagini difensive, eravamo certi che fosse lui" ha detto la madre durante il programma. "Trifone e Teresa erano amati, non avevano avuto diverbi con nessuno, quindi pensavamo fosse Giosuè il colpevole" aggiunge.

"Quando erano morti, appena morti, mi chiese 10 euro che voleva indietro. Capii subito che era marcio" commenta la madre in merito ai momenti dopo la morte dei due. Una richiesta, quella di Giosuè, che seconda la donna tradiva la colpevolezza: "Signora non piangere, suo figlio mi doveva dei soldi" avrebbe detto Giosuè. "Cosa avevano fatto di male?" si chiede la donna in diretta. "Erano belli e non facevano male a nessuno, c'era un odio represso da parte di questo personaggio" aggiunge la madre di Trifone.  "Quando Trifone aveva minacciato di farlo cacciare dall'esercito, allora Giosué avrà deciso di agire" ipotizza la donna.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inaugurazione di 'Inno alla Bellezza' e anteprima dello spettacolo dell'Albero della vita in ex Area Expo

Expo, Anac manda atti a tre Procure

Evidenziate anomalie nella maggior parte delle 25 procedure analizzate

Brescia, Processo d'appello per Massimo Bossetti

Caso Yara, test dna che inchioda Bossetti valido, analisi irripetibile

Le motivazioni della sentenza con cui i giudici hanno condannato all'ergastolo il muratore di Mapello

Milano, in Centrale camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne

#QuellaVoltaChe, su Twitter le donne raccontano le molestie subite

L'hashtag è stato lanciato dalla scrittrice Giulia Blasi e sta riunendo i racconti di centinaia di italiane