Lunedì 24 Aprile 2017 - 11:30

Del Grande è libero: Sto bene, difficoltà è stata detenzione

L'arrivo del documentarista all'aeroporto di Bologna

Del Grande è libero: Sto bene, difficoltà è stata detenzione

"Sto bene, la più grande difficoltà è stata la mancanza della libertà. Considero illegale cosa mi è successo, ma non mi hanno torto un capello. Ci tengo a ringraziare la stampa, le istituzioni, gli ambasciatori, gli avvocati turchi che hanno preso in carico il mio caso" Queste le prime parole di Gabriele Del Grande, il documentarista italiano fermato in Turchia e oggi rilasciato, al suo atterraggio all'aeroporto di Bologna. "Oggi sono a casa sono libero, mando un pensiero caro a tutti i detenuti e a tutti i giornalisti ancora in carcere anche in condizioni peggiori, in Turchia e altri paesi" ha aggiunto. "Il mio è un caso risolto, ma altri sono ancora in corso, non so perché son stato fermato, gli avvocati proveranno a capirlo ma non ho subito nessun tipo di violenza, questo ci tengo a dirlo. Ho saputo stanotte della mia liberazione" ha concluso.  

"ORA MANGIO". "Dove vado ora? Adesso vado a mangiare...  Dopo sette giorni di sciopero della fame" ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano quali fossero i suoi programmi immediati. Il giornalista e blogger aveva iniziato lo sciopero della fame da una settimana per protestare contro la sua detenzione nelle carceri turche. Del Grande ha anche confermato che quello a cui sta lavorando da mesi, e per cui si trovava in Turchia, è un libro.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Incendio Ditta smaltimento rifiuti

Cosenza, tre morti in incendio in appartamento in centro

I vigili del fuoco hanno trovato i corpi carbonizzati.

Caldo

Temporali e calo termico, poi torna caldo: meteo del 18 e 19 agosto

Ci aspetta un weekend fresco, ma dura fino a lunedì

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Barcellona, Minniti: "In Italia attenzione a obiettivi a rischio"

Il ministro dell'Interno invita a tenere alta l'allerta su alcuni luoghi sensibili nel Paese

Barcellona, Luca Russo seconda vittima. Ultimo post: Moriamo senza portare via nulla

Luca Russo di Bassano è la seconda vittima. La fidanzata è ferita

Viveva a Bassano del Grappa, scriveva su fb: "Moriamo senza portare via nulla"