Mercoledì 22 Giugno 2016 - 16:45

De Giorgi lascia vertici marina: Condizionati da interessi occulti

L'ammiraglio è indagato nell'inchiesta di Potenza sull'impianto di Tempa Rossa

De Giorgi lascia vertici marina: Condizionati da interessi occulti

"La nostra navigazione non è stata sempre calma. Sapete a cosa mi riferisco. Gli attacchi contro di me non meritano attenzione oggi. Soprattutto non la meritano i corvi e gli interessi occulti che hanno diffuso dossier anonimi per tentare di condizionare il futuro della marina". Così l'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, indagato nell'inchiesta di Potenza sull'impianto di Tempa Rossa, questa mattina ceduto il passo al nuovo capo di Stato maggiore della marina, l'ammiraglio Valter Girardelli. Il lungo discorso è stato tenuto alla presenza dei ministri della Difesa, Roberta Pinotti, e dell'Interno, Angelino Alfano.

"Ciò che invece voglio sottolineare con gratitudine e affetto - ha aggiunto - è il sostegno morale che mi avete dato in questi mesi e che e' stato determinante per non cedere, per non arrendermi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale