Venerdì 22 Aprile 2016 - 19:45

Davigo: Su corruzione le recenti norme premiali non bastano

Per fronteggiare fenomeni corruttivi, "introdurre forti norme premiali"

Piercamillo Davigo

Per fronteggiare fenomeni corruttivi, "introdurre forti norme premiali, quelle recentemente introdotte non bastano". Lo ha detto il presidente dell'Associazione nazionale magistrati (Anm), Piercamillo Davigo, intervenuto oggi all'Aula Magna di palazzo Matteucci, all'Università di Pisa. "Si potrebbe assicurare la non punibilità del primo che parla: sarebbe un soggetto non più affidabile per il sistema corruttivo, perché nessuno si fiderebbe più di lui", ha spiegato il magistrato. Si sarebbe raggiunto scopo di rieducare senza punire".

"Si dovrebbe anche introdurre le operazioni sotto copertura, già previste da convenzioni internazionali che Italia ha sottoscritto", ha aggiunto il magistrato. Richieste motivate dal fatto che "i danni della corruzione danneggiano molto più della delinquenza da strada, eppure sono molto più impuniti, i reati dei colletti bianchi sono tra i più impuniti: la corruzione è una delle devianze della classe dirigente", ha spiegato.  Secondo quanto riferisce un blog dell'ateneo pisano, il magistrato ha sottolineato che il "controllo sociale sul comportamento deviante da noi non funziona: amici e colleghi dovrebbero fare il vuoto intorno a chi ha comportamenti, sebbene legali, non adeguati".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Riapertura del passaggio di collegamento tra il Collegio Romano e la Chiesa di San Ignazio

Via al piano istruzione 0-6 anni. Fedeli: "È svolta culturale"

Lo scopo è aumentare i servizi e sostenere i genitori, per dare alle bambine e ai bambini maggiori opportunità di accesso a un'istruzione di qualità fin dalla nascita

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini