Martedì 12 Gennaio 2016 - 14:30

David Bowie, la star che ha influenzato la società e la moda

Uno dei più grandi artisti di tutti i tempi ma anche un'icona di stile rivoluzionaria

David Bowie

Con David Bowie, morto il 10 gennaio a 69 anni, non scompare solo uno dei più grandi artisti del mondo, ma anche un'icona dello stile. Se c'è infatti stato un trendsetter che ha influenzato il mondo della moda per tutti i suoi 50 anni di carriera, è lui. Personalità prorompente e camaleontica, sempre innovativa e rivoluzionaria sin dagli esordi nel 1962, in mezzo secolo è stato il ribelle che non si è mai fermato e non ha mai annoiato, cambiando pelle e alter ego, da Major Tom a Ziggy Stardust, da Aladdin Sane al Duca Bianco. "Essere artista per me non è mai stato solo esprimere il mio lavoro; quello che ho voluto più di qualsiasi cosa era contribuire in qualche modo alla cultura in cui vivevo, e mi sembrava una sfida spingerla sempre un po' in là nella direzione in cui mi sembrava interessante potesse andare" aveva detto in un'intervista all'edizione britannica di GQ, quando la rivista gli aveva assegnato il premio alla carriera nel 2002.

David Bowie

Dotato di un carisma e un sex appeal che lo rendevano affascinante per uomini e donne, Bowie è stato la prima rockstar mainstream a portare sul palcoscenico la moda dall'identità sessuale flessibile. L'immagine pubblica di Bowie giocava sull'androginia quasi extraterrestre, tramite sia acconciature sperimentali e makeup sgargianti, sia costumi scenografici e spettacolari che hanno rivoluzionato la moda negli anni '70, diventando un punto di riferimento per le tendenze per i look maschili e femminili nei decenni a venire. Giocando con il suo lato androgino e femminile in un puro spirito d'avanguardia, tra tacchi e zeppe, tute attillate, abiti in cui riuniva alcune sue ossessioni, dal teatro kabuki giapponese e la fantascienza, e questo ne ha fatto un portavoce della libertà sessuale. Perché a Bowie non interessava il 'genere' né la mascolinità convenzionale: "Ho sempre avuto un bisogno ripugnante di essere qualcosa più che umano. Mi sentivo molto debole come umano, e ho pensato 'Voglio essere superumano'".

Con gli anni Ottanta prima e Novanta poi ha proseguito in una continua evoluzione di se stesso che gli ha permesso di mostrare varie sfaccettature della sua arte nel corso della sua prolifica carriera. E se ha ripreso in mano look progressivamente più mascolini e classici, non ha mai perso l'aura di icona che sfidava la fluidità di genere. "Ho reinventato la mia immagine così tante volte che devo negare di essere stato in origine una donna coreana in sovrappeso" aveva detto nel corso della trasmissione 'Late Night with Conan O'Brien', ed era essere sorpreso della costante risonanza che aveva il suo gioco di specchi.

"Mi stupisco sempre di come le persone prendano sul serio quello che dico. Io non so nemmeno prendere sul serio quello che sono", diceva. Eppure è stato preso sul serio e a modello da molti: star della musica influenzate dai suoi coup de theatre da Marilyn Manson a Lady Gaga, e stilisti che hanno preso le sue innovazioni e le hanno fatte proprie in passerella, da Jean Paul Gaultier a Riccardo Tisci, da Miuccia Prada a Dries Van Noten.

Recentemente la mostra 'David Bowie Is', a cura del Victoria & Albert Museum di Londra, ha esplorato il suo magnetismo, l'inesauribile creatività e i vari aspetti della sua spettacolare carriera attraverso circa 300 oggetti tra costumi di scena, testi originali, foto e strumenti. Dopo la prima esposizione a Londra, la mostra è in tour: al momento è ospitata dal Groninger Museum, Groninga nei Paesi Bassi, dall'11 dicembre al 13 marzo. L'ideale per cogliere l'enorme influenza che ha avuto questo artista straordinario sulla cultura occidentale. Più che mai, ora che è diventato quello 'Starman' che cantava nel 1972.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vanessa Incontrada disegna la nuova capsule collection per Elena Mirò

Vanessa Incontrada disegna capsule collection di Elena Mirò

Al concept store Miroglio Piazza della Scala a Milano il lancio della collezione disegnata dall'attrice

Italiani pazzi per lo shiatsu, dal 18 al 25 la settimana dedicata

Italiani pazzi per lo shiatsu, per liberarsi dallo stress

"Uno dei principali benefici è che è uno strumento per conoscere meglio se stessi"

Moda, Noemi testimonial per Fiorella Rubino con la collezione 'Remix'

Noemi testimonial per Fiorella Rubino con la collezione 'Remix'

La cantante ha reinterpretato i look della collezione autunno/inverno 2016

Venezia 73, Carrozzini: Vi racconto mia madre, la stilista Franca Sozzani

Carrozzini: Vi racconto mia madre, Franca Sozzani

Il regista figlio d'arte ha presentato alla mostra 'Franca: caos and creation'