Martedì 05 Settembre 2017 - 20:15

Corte europea: Controllare mail dipendenti è violazione privacy

Storica sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo ai danni della Romania

Parliament cyber attack

Era stato licenziato per aver utilizzato a fini personali internet, il telefono e la fotocopiatrice sul posto di lavoro. Ma la Cedu, la Corte europea dei diritto dell'uomo, con una sentenza storica ha condannato la Romania, paese in cui un ingegnere romeno era stato licenziato per questi motivi.

Secondo Strasburgo il datore di lavoro non può controllare le mail dei dipendenti perché viola l'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti umani, quello sul diritto alla vita privata. Secondo la sentenza, depositata alla Grande camera della Cedu dal presidente Guido Raimondi, il datore di lavoro deve avvisare del monitoraggio i dipendenti e comunicare in maniera chiara i motivi e i limiti della sua attività. In ogni caso, spetterà al giudice appurare se le ragioni sono sufficienti a giustificare il controllo.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Cnn: Mugabe accetta di dimettersi, immunità per lui e moglie

Il presidente ha deciso di lasciare e ha già scritto la lettera

Germania, fallite le trattative per la coalizione: si rischia il ritorno alle urne

Il leader della Fdp: "E' meglio non governare che farlo nel modo sbagliato". Merkel oggi dal presidente Steinmeier

Immagini storiche retrospettive

Infanzia difficile e omicidi spietati: chi era Charles Manson, mostro del massacro di Bel Air

Alla fine degli anni '60 guidava una setta, chiamata la 'Famiglia': in cui si fusero anche le credenze in Scientology e in Satana, e l'odio per i neri

Manson

Morto Charles Manson, autore di una serie di omicidi 'satanici' negli anni '60

Fu uno dei criminali più feroci del ventesimo secolo. Tra le vittime del 'guru' della setta 'Family' anche Sharon Tate moglie del regista Roman Polanski