Venerdì 13 Ottobre 2017 - 22:00

Dario Fo, Gianni Minà: "Ogni sera le sue opere in 400 teatri nel mondo"

Il ricordo del giornalista a un anno dalla morte del regista, drammaturgo e Nobel per la Letteratura

"Ogni sera 400 compagnie nel mondo mettono in scena le pièce di Dario Fo". È Gianni Minà a dirlo, intervistato al telefono da LaPresse, riflettendo su perché e come si possa ricordare Dario Fo a un anno dalla sua morte, nella serata in cui il figlio Jacopo Fo e Carlo Petrini lo hanno commemorato a un evento al teatro Carignano di Torino.

Torino, città di avanguardie. Cosa legava Fo a questa città? "Proprio perché Torino era città produttrice di movimenti di avanguardia, nell'arte come nella cultura, nella musica e nella società, ha saputo accogliere l'opera di Dario Fo con la sua capacità di rompere gli schemi", risponde Minà che una ventina di anni fa nel suo talk show 'Storie' fece raccontare a Dario Fo e a Franca Rame la loro di 'storia'.

E alla domanda su cosa, di quanto accaduto in quest'anno trascorso dalla scomparsa di Fo, avrebbe fatto indignare il premio Nobel, Minà risponde senza esitare: "Le bugie che la politica dice continuamente su tutto lo avrebbero indignato".
 

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"