Sabato 26 Novembre 2016 - 11:00

Dall'isola i cubani: La morte di Fidel non cambierà le cose

"Una brutta notizia per noi, era malato da tempo" sottolineano a Cuba dopo l'annuncio del decesso

Dall'isola i cubani: La morte di Fidel non cambierà le cose

Fuori L'Avana, nella piccola città di Santa Clara liberata da Ernesto 'che' Guevara durante la rivoluzione, la notte che succede la morte di Fidel Castro scorre normalmente. I cittadini hanno ascoltato l'annuncio del presidente Raul Castro dalle televisioni e la notizia è rimbalzata velocemente di cellulare in cellulare. Nella piazza centrale, uno dei pochi punti di accesso a internet, pochi gruppi di giovani discutono tra loro. "È una brutta notizia per noi... ma era malato da tempo e non credo che le cose cambieranno", ha commentato Javier, tassista di 32 anni.

 "Fidel era una mente. La sua morte è una perdita molto grande per tutti. Per Cuba e per il mondo intero", ha aggiunto Modesta di 25 anni. "Era un uomo intelligente che vedeva lontano" è intervenuta Ana del bar Europa, l'unico ancora aperto nella piazza centrale di Santa Clara.
 

 

Scritto da 
  • dalla nostra inviata Valentina Innocente
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

La marcia è partita dal prato del Campidoglio, sede del Congresso Usa, ed è diretta verso la Casa Bianca

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Oggi sono state approvate all'unanimità le linee guida Ue da seguire nel corso dei negoziati

Gentiloni alla riunione  a Bruxelles

Brexit, Ue approva all'unanimità linee guida per negoziato

Il presidente Tusk: Un mandato politico forte ed equo dei 27 è pronto per i colloqui

Wikipedia 15th anniversary

Turchia, Ankara blocca accesso a Wikipedia

Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks. Ankara aveva già bloccato gli accessi a Twitter e Facebook