Sabato 26 Novembre 2016 - 11:00

Dall'isola i cubani: La morte di Fidel non cambierà le cose

"Una brutta notizia per noi, era malato da tempo" sottolineano a Cuba dopo l'annuncio del decesso

Dall'isola i cubani: La morte di Fidel non cambierà le cose

Fuori L'Avana, nella piccola città di Santa Clara liberata da Ernesto 'che' Guevara durante la rivoluzione, la notte che succede la morte di Fidel Castro scorre normalmente. I cittadini hanno ascoltato l'annuncio del presidente Raul Castro dalle televisioni e la notizia è rimbalzata velocemente di cellulare in cellulare. Nella piazza centrale, uno dei pochi punti di accesso a internet, pochi gruppi di giovani discutono tra loro. "È una brutta notizia per noi... ma era malato da tempo e non credo che le cose cambieranno", ha commentato Javier, tassista di 32 anni.

 "Fidel era una mente. La sua morte è una perdita molto grande per tutti. Per Cuba e per il mondo intero", ha aggiunto Modesta di 25 anni. "Era un uomo intelligente che vedeva lontano" è intervenuta Ana del bar Europa, l'unico ancora aperto nella piazza centrale di Santa Clara.
 

 

Scritto da 
  • dalla nostra inviata Valentina Innocente
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Qatar respinge la lista di richieste di 4 Paesi arabi: Irragionevole, limita sovranità

Qatar respinge la lista di richieste di 4 Paesi arabi: Irragionevole, limita nostra sovranità

Nell'elenco sono comprese la chiusura dell'emittente al-Jazeera, finanziata da Doha, e la limitazione delle relazioni con l'Iran

Regno Unito, Parlamento colpito da attacco informatico

Regno Unito, Parlamento colpito da attacco informatico

Scoperti tentativi non autorizzati di accesso agli account dei deputati

Parigi, Emmanuel Macron incontra Arnold Schwarzenegger

Macron e Schwarzenegger contro Trump: Make the planet great again

Una implicita ma chiara critica sui social per la decisione del presidente di ritirare gli Usa dall'accordo sul clima di Parigi

Mosul, continua la fuga dei civili

E' morta la giornalista francese ferita da una mina a Mosul

Veronique Robert era in Iraq per un reportage. Nell'esplosione hanno perso la vita altri 2 cronisti