Sabato 26 Novembre 2016 - 11:00

Dall'isola i cubani: La morte di Fidel non cambierà le cose

"Una brutta notizia per noi, era malato da tempo" sottolineano a Cuba dopo l'annuncio del decesso

Dall'isola i cubani: La morte di Fidel non cambierà le cose

Fuori L'Avana, nella piccola città di Santa Clara liberata da Ernesto 'che' Guevara durante la rivoluzione, la notte che succede la morte di Fidel Castro scorre normalmente. I cittadini hanno ascoltato l'annuncio del presidente Raul Castro dalle televisioni e la notizia è rimbalzata velocemente di cellulare in cellulare. Nella piazza centrale, uno dei pochi punti di accesso a internet, pochi gruppi di giovani discutono tra loro. "È una brutta notizia per noi... ma era malato da tempo e non credo che le cose cambieranno", ha commentato Javier, tassista di 32 anni.

 "Fidel era una mente. La sua morte è una perdita molto grande per tutti. Per Cuba e per il mondo intero", ha aggiunto Modesta di 25 anni. "Era un uomo intelligente che vedeva lontano" è intervenuta Ana del bar Europa, l'unico ancora aperto nella piazza centrale di Santa Clara.
 

 

Scritto da 
  • dalla nostra inviata Valentina Innocente
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"

FILE PHOTO: National Constituent Assembly's President Delcy Rodriguez speaks during a session of the assembly at Palacio Federal Legislativo in Caracas

Venezuela, parlamento rifiuta 'scioglimento' da Costituente

L'assemblea eletta lo scorso 30 luglio ha approvato oggi un decreto con cui assume il potere di votare le leggi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

FILE PHOTO: U.S. President Donald Trump talks to senior staff Steve Bannon during a swearing in ceremony for senior staff at the White House in Washington

Usa, ultimo giorno del consigliere Bannon alla Casa Bianca

Nel mirino i suoi stretti legami con i gruppi di estrema destra