Mercoledì 31 Agosto 2016 - 16:45

Dal Belgio 104 donne tra gli jihadisti partiti per l'estero

Oltre 600 i foreign fighters che si sono uniti all'Isis

Dal Belgio 104 donne tra gli jihadisti partiti per l'estero

Sono almeno 104 le donne che figurano tra le 614 persone partite dal Belgio verso l'estero, principalmente in Siria e Iraq, allo scopo di unirsi allo Stato islamico. Lo ha scritto oggi il sito web 'Knack', pubblicando i dati ufficiali del sistema belga di controllo anti-terrorismo.

Delle 104 donne, una cinquantina sarebbero effettivamente arrivate a destinazione, una sarebbe ancora in viaggio, 18 sarebbero tornate in Belgio, 19 sarebbero ancora all'estero, 16 sono ancora pronte a tornare nei territori in guerra. I dati sono stati diffusi dall'Ufficio del Belgio per il Coordinamento e l'Analisi della Minaccia (Ocam).

Delle 614 persone che in Belgio sono state coinvolte o interessate alle attività dello Stato islamico, 7 sono tra gli esecutori degli attacchi di Parigi e Bruxelles (tra cui i noti Bilal Hadfi, Salah Abdelslam, Mohamed Abrini), mentre 15 si sarebbero uccisi in attacchi suicidi in Siria e Iraq.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Gerusalemme, la famiglia Trump visita il muro del pianto

Trump visita Muro del pianto. Netanyahu: E' 1° presidente Usa

Il tycoon: "Oggi riaffermiamo il legame indissolubile fra gli Stati Uniti e Israele"

Facebook, svelate linee guida per regolare post sessisti e violenti

Facebook, svelate linee guida per regolare post sessisti e violenti

Più di 100 i manuali di formazione interna destinati all'addestramento del gruppo di moderatori del social

Trump: Non permetteremo mai all'Iran di avere arma nucleare

Trump: Non permetteremo mai all'Iran di avere arma nucleare

Teheran "deve fermare il suo mortale finanziamento, addestramento ed equipaggiamento di terroristi e milizie"

Trump in Israele: C'è possibilità di raggiungere pace in Medioriente

Trump in Israele: C'è possibilità di raggiungere pace in Medioriente

Per Netanyahu la visita del presidente Usa sarà "una pietra miliare storica"