Mercoledì 31 Agosto 2016 - 16:45

Dal Belgio 104 donne tra gli jihadisti partiti per l'estero

Oltre 600 i foreign fighters che si sono uniti all'Isis

Dal Belgio 104 donne tra gli jihadisti partiti per l'estero

Sono almeno 104 le donne che figurano tra le 614 persone partite dal Belgio verso l'estero, principalmente in Siria e Iraq, allo scopo di unirsi allo Stato islamico. Lo ha scritto oggi il sito web 'Knack', pubblicando i dati ufficiali del sistema belga di controllo anti-terrorismo.

Delle 104 donne, una cinquantina sarebbero effettivamente arrivate a destinazione, una sarebbe ancora in viaggio, 18 sarebbero tornate in Belgio, 19 sarebbero ancora all'estero, 16 sono ancora pronte a tornare nei territori in guerra. I dati sono stati diffusi dall'Ufficio del Belgio per il Coordinamento e l'Analisi della Minaccia (Ocam).

Delle 614 persone che in Belgio sono state coinvolte o interessate alle attività dello Stato islamico, 7 sono tra gli esecutori degli attacchi di Parigi e Bruxelles (tra cui i noti Bilal Hadfi, Salah Abdelslam, Mohamed Abrini), mentre 15 si sarebbero uccisi in attacchi suicidi in Siria e Iraq.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"