Mercoledì 30 Novembre 2016 - 16:00

Da giornalista ad attrice hard grazie ai consigli di Rocco Siffredi

La storia di Mary Rider, ex reporter torinese

Da giornalista ad attrice hard, la storia della torinese Mary Rider

Segnatevi questo nome perché farà parlare di sé: Mary Rider. Fino a poco tempo fa giornalista, ora è una pornostar in ascesa. Una svolta nata dai consigli del re del porno Rocco Siffredi. "Mary è il mio vero nome. Rider perchè sono una motociclista. Cavalco una Suzuki Marauder ed il sogno è di attraversare la Route 66 sulla mia futura Harley Davidson. Sono originaria della provincia di salerno ma vivo da qualche anno a Torino)". 

Da blogger ad attrice hard: quando hai compreso che era questa la tua reale vocazione?

Ho sempre pensato che per riuscire in ciò che mi piace, avrei dovuto dare il massimo. Ma non sapevo come. Così ho studiato e viaggiato. Mi sono laureata, ho vinto borse di studio ed ho fatto un master. Sono diventata una "professionista" nell'ambito che avevo scelto. Poi mi hanno detto che, per fare strada in qualsiasi settore, dovevo farmi conoscere. Tra le righe, dovevo dare tutta me stessa per il lavoro. Solo che io sono sempre stata un pò sopra le righe e li ho presi alla lettera senza ipocrisia e senza nascondermi. Ed eccomi qui. Ho dismesso gli abiti della reporter d'assalto per i palchi delle fiere internazionali ed i set hard. Tutto è cominciato per una congiuntura casuale di eventi che però mi hanno fatto scoprire la mia reale predisposizione esibizionista, spronandomi a prendere in mano la mia vita e diventare imprenditrice di me stessa.

Era il 2014. Mi sono ritrovata alla fiera del Portogallo sotto lo sguardo di centinaia di persone. E qualche mese dopo Rocco Siffredi mi ha detto che, oltre a Rider di moto, dovevo esserlo anche di cazzi. L'ho preso alla lettera, ed eccomi qui.

Quanto è difficile lavorare in Italia per una star dell'eros? 

Da 1 a 10? Direi 8, forse 8,5. Perché tutti guardano porno e tutti vorrebbero fare porno, ma chi ha il coraggio di metterci la faccia è etichettato: prostituta lei, sfigato lui. Circola la leggenda metropolitana di guadagni milionari ed una esistenza da beati scansafatiche. E la convinzione che chiunque sarebbe capace di fare anche meglio (se solo ne avesse il coraggio).

Solo che la faccia, e la vita, ce la mettono in pochi. La figura di attore porno richiede preparazione, professionalità, sacrifici e competenze oltre che una naturale predisposizione all'esibizionismo ed alle acrobazie erotiche. Si tratta di un lavoro difficile come per chiunque voglia lavorare in Italia in qualsiasi ambito, con l'aggravante che nel nostro paese la figura di attore porno non ha un riconoscimento professionale. 

Italia paese trasgressivo ma ancora troppo bigotta?

Non mi piace generalizzare, ma gli italiani provano piacere ad infrangere le regole, di qualsiasi tipo. Ma sono troppo ipocriti per ammetterlo, e si nascondono dietro il loro perbenismo medio borghese che condanna ciò che desidera. Ne sono un esempio le cosiddette fiere erotiche che si moltiplicano in ogni regione e città, ma si rivelano festicciole più o meno ben organizzate a cui manca l'entusiasmo e la libidine. Oltre che un pubblico. 

Com'è cambiato il mondo dell'hard con internet ed i social?

Internet è la democrazia e lo specchio dei desideri della società. Ed il porno è uno dei "prodotti" maggiormente fruiti sul web (nonostante le censure soprattutto dei social). Grazie alla rete è diventato più facile improvvisarsi attori, anche con un video amatoriale registrato col telefonino, ma più difficile lasciare davvero il segno con un pubblico che è diventato più vorace e frettoloso. Chi consuma orno oggi divora con bramosia le novità ma non si concede il tempo di fruirle con gusto, troppo curioso del nuovo che sta arrivando per godere fino a fondo ciò che ha in questo momento. La quantità ha preso il posto della qualità, le produzioni e gli attori si sono moltiplicati ma i budget a disposizione sono ridotti infinitesimamente. Ieri per un unico film si spendeva 100. La stessa cifra che si spende oggi per produrre 50 scene. Praticamente un rimborso spese.

I social fanno da cassa di risonanza per tutto. Utilizzati come promozione dei personaggi e dei prodotti. Ma anche come arma contro i fantomatici "nemici", rivali, concorrenti non si sa bene di cosa. Il cambiamento è il segno del progresso. Bisogna saperlo gestire. Io ed i miei amici di SpicyLab, Capitano Eric, Luna Dark ed Alabor, ci stiamo provando con tutte le nostre forze e competenze. 

Il rapporto tra attrice hard ed amore. 

E' un rapporto possibile. Perchè sono Mary dentro e fuori dal set. Con la stessa grinta, entusiasmo e voglia di dare e ricevere piacere. Reale. O si leggerebbe in faccia che sto fingendo (non so mentire). Secondo me un rapporto a due è molto di più del semplice possesso carnale o esclusivo del partner.

In una storia d'amore cerco complicità ed affinità. Un uomo che sappia soddisfare la mia fame di curiosità e stimoli intellettuali oltre che di sentimento e godimento. Questo non vuol dire che tra le lenzuola di casa io sia una santa, anzi. Sono molto esigente. Il Capitano lo sa bene!

Hai mai ricevuto proposte indecenti da personaggi famosi?

E' un segreto professionale.

Sei stata mai 'stalkerizzata' per la tua professione?

Non l'ho mai permesso. Chi mi conosce nella vita di ora mi apprezza per la schiettezza, la serenità e la naturalità con cui vivo questa nuova stagione dell'anima. Organizzo partite di beneficenza tra porno attrici e fotomodelle in aiuto di bambini disabili con lo stesso entusiasmo che provo partecipando a fiere internazionali. A chi non sta bene quello che faccio può semplicemente voltarsi dall'altra parte e continuare come se non esistessi. Io vado avanti per la mia strada. 

Progetti per il futuro e nuove idee per il mondo dell'hard...

Non un progetto ma una realtà in continua evoluzione. Si chiama SPICYLAB. E' un laboratorio dell'erotismo nato a Torino con le energie e l'entusiasmo di 4 persone. Settembre 2014. Sono passati poco più di due anni ma siamo una "squadra fortissimi" ed un gruppo di lavoro in continua crescita. Una famiglia. Ed abbiamo ancora tante cose da raccontare.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fedezferragni

Fedez e Chiara Ferragni riuniti a Milano: come Sandra e Raimondo

Scatto social per il rapper e la influencer: il loro amore va a gonfie vele

Belen e il topless allo specchio che fa impazzire la rete

Belen e il topless allo specchio che fa impazzire la rete

Un'immagine su Instagram ha fatto incetta di like e clic nel giro di poche ore

Kunis e Kutcher

Kunis-Kutcher scelgono il nome del secondo figlio: Dimitri Portwood

I due erano già genitori da due anni della piccola Isabelle