Martedì 01 Novembre 2016 - 10:00

Da Boschi a Boldrini il ricordo di Tina Anselmi: Cambiò il mondo

La presidente della Camera: "Se ne va una madre della democrazia italiana"

Da Boschi a Boldrini il ricordo di Tina Anselmi: Ha cambiato il mondo

La notizia della morte di Tina Anselmi ha subito suscitato un moto di cordoglio in tutto il Paese. Tanti i ricordi dei politici che hanno speso parole di affetto e in memoria della prima ministra italiana della storia. Tra le prime a scrivere su Twitter la ministra per le Riforme costituzionali e il rapporto con il Parlamento Maria Elena Boschi. "'Capii allora che per cambiare il mondo bisognava esserci'. Tina Anselmi c'è stata e il mondo lo ha cambiato", ha scritto attorno alle 9.30. "Partigiana, parlamentare, prima donna ministra, creò il Servizio Sanitario Nazionale. L'Italia deve tanto a #TinaAnselmi", scrive invece la ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia.

Sentito anche il ricordo della presidente della Camera Laura Boldrini: "Partigiana, prima donna ministra, inflessibile avversaria dei poteri occulti. Con #TinaAnselmi se ne va una madre della democrazia italiana". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Regionali in Sicilia

Elezioni in Sicilia, Musumeci (cd) avanti nei sondaggi

Il candidato del centrodestra in vantaggio di sei punti su Cancelleri (M5S), Fava (sinistra) al 16% e Micari (Pd) al 15%

Senato. Decreto Vaccini

Violenza donne, Grasso chiede scusa: "Problema parte da uomini"

Il presidente del Senato fa mea culpa: "Siamo noi uomini a dover evitare queste tragedie"

Luigi DI Maio a Firenze per il Restitution Day del M5S

Primarie M5s, militanti non riescono a votare: Rousseau in tilt o spettro hacker?

"Prestazioni del Sistema operativo condizionate dall'alta affluenza", replicano sul blog. E prolungano fino alle 12 di venerdì

Legge elettorale, depositato Rosatellum bis:

Legge elettorale, depositato il Rosatellum bis: no voto disgiunto e soglia al 3%

Presentato il disegno di legge Fiano che prevederà il 36% di collegi uninominali e il 64% di collegi plurinominali