Martedì 28 Febbraio 2017 - 17:00

Occhionero, tribunale: Restino in carcere, a rischio sicurezza Stato

I due fratelli erano stati arrestati lo scorso 9 gennaio con l'accusa di cyberspionaggio

Cyberspionaggio, no a scarcerazione Occhionero. Riesame: A rischio sicurezza dello Stato

"La tipologia dei sistemi infettati induce a ritenere significativo il pericolo per la sicurezza dello Stato e colora la condotta delittuosa in maniera particolarmente grave, aprendo anche a scenari inquietanti". È quanto sostengono i giudici del tribunale del riesame nelle 30 pagine con le quali motivano il 'no' alla scarcerazione di Giulio e Francesca Maria Occhionero arrestati lo scorso 9 gennaio con l'accusa di cyberspionaggio.

LEGGI ANCHE Cyberspionaggio: tutti i nomi dei politici 'spiati'

"Il fatto che Giulio Occhionero abbia distrutto parte dei file esfiltrati - si legge nelle motivazioni - induce a ritenere che a tutt'oggi il materiale probatorio potrebbe subire attacchi da parte dell'indagato".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Presidio di protesta contro l’abusivismo nel settore dei taxi a Milano

Milano, tassista abusivo violenta giovane cliente: arrestato

Durante una corsa notturna ha approfittato dello stato di ubriachezza della ragazza

Palermo, strage di via D'Amelio in cui perse la vita il giudice Borsellino

Mafia, il 19 luglio 1992 la strage di via D'Amelio in cui morì Borsellino e la sua scorta

L'attentato 26 anni fa: una Fiat 126 rubata con cento chili di tritolo saltò in aria. Resta il mistero della sparizione dell'agenda rossa. Per i giudici fu di "uno dei più gravi depistaggi della storia"

Ryanair air traffic control strikes

Ryanair cancella 600 voli in Europa per 25 e 26 luglio: coinvolti 100mila passeggeri

Lo stop a causa di uno sciopero del personale in Spagna, Portogallo e Belgio