Giovedì 06 Aprile 2017 - 13:45

Cyberspionaggio, chiesto giudizio immediato per i due Occhionero

I fratelli sono stati arrestati lo scorso 9 gennaio

Cyberspionaggio, chiesto giudizio immediato per i due Occhionero

La procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato per Giulio e Francesca Maria Occhionero, i due fratelli arrestati lo scorso 9 gennaio con l'accusa di cyberspionaggio. Gli Occhionero sono accusati di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, accesso abusivo a sistema informatico aggravato e intercettazione illecita di comunicazioni informatiche.

Il rito immediato, chiesto dalla pm Eugenio Albamonte titolare dell'indagine, consente di saltare l'udienza preliminare portando il processo direttamente in aula.

Chi indaga non ha dubbi che di spionaggio si sia trattato, anche se non è mai stato completamente chiarito, con quali fini i due fratelli carpissero dati: per fornire informazioni su appalti, o per investire in borsa, o forse per accumulare una serie di dati sensibili legati alla sfera personale di persone che un giorno potevano tornare utili o 'vendibili'. L'ingegnere nucleare e sua sorella, secondo il pm, avrebbero hackerato e rubato documenti, secondo l'ordinanza "anche riservate", dalle caselle postali di decine e decine di politici.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Maltempo a Roma

Meteo, fine settima variabile: vento forte e neve abbondante sulle Alpi

Le temperature saranno altalenanti: in calo sabato, in temporaneo rialzo domenica, torneranno a diminuire ancora nella giornata di lunedì

Salute, brusco aumento dei casi di influenza: in oltre 2 milioni a letto

Non solo la spremuta d'arancia, tutti i rimedi della nonna contro l'influenza

Gli agricoltori svelano i segreti per curare i malanni di stagione

Questura Milano - Arrestati tre italiani per spaccio, detenzione di armi e ricettazione

Dalla droga alla prostituzione, gli italiani spendono 19 miliardi in attività illegali

E il valore è aumentato negli ultimi 4 anni. La Lombardia è la regione con più elevato numero di segnalazioni