Lunedì 20 Giugno 2016 - 13:45

Cuperlo: Una sconfitta severa che merita risposte chiare

Roma, chiusura della campagna elettorale di Roberto Giachetti

"Auguri ai sindaci che sono stati eletti e un bocca al lupo particolare a Beppe Sala, Virginio Merola e agli altri nostri candidati che hanno tagliato il traguardo. Il risultato è frastagliato, come ha detto il comunicato ufficiale del Pd, ma la sconfitta è stata severa e merita risposte chiare". Lo scrive Gianni Cuperlo su Facebook. E spiega: "Non mi convince l'idea che si perde perché non si è spinta la rottamazione fino in fondo".

"Non mi convince l'idea - continua Cuperlo - che si vince solamente con volti 'giovani e belli' e che la battaglia politica possa ridursi a un fattore biografico o estetico. Non mi convince la sicurezza che porta alcuni a chiedere come primo atto la distinzione tra la carica di segretario e quella di premier. E non mi convince perché penso che quando perdi centinaia di migliaia di voti il punto non è solo e tanto chi siede sulla poltrona di segretario ma quale linea politica esprime". "È giusto avere convocato la direzione del Pd per i prossimi giorni. Mi auguro che si affronti una discussione pacata nei toni ma seria nel merito. Qui nessuno può rivendicare quella frase abbastanza odiosa 'lo avevo detto'. Qui si tratta di rimboccarsi le maniche e di mettere in sicurezza il principale partito della Sinistra e le prospettive di un governo progressista per il futuro dell'Italia", conclude.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, Da Tardelli a Savona è un economista il nuovo incubo dei tedeschi

I giornali di Berlino contro l'uomo indicato da Lega e M5S al ministero dell'Economia. Il motivo: le sue posizioni sull'euro

Quirinale, Consultazioni

Governo, Salvini: "O si parte o non tratto più". Di Maio: "Chiudere in 24 ore"

Polemiche su Paolo Savona all'Economia. Macron chiama Conte

Governo, resta nodo Savona. Conte vede Giansanti, in corsa per la carica di ministro degli Esteri

Salvini: "No a ministro che piace a Merkel". Casaleggio: "Mattarella e Conte troveranno soluzione". Renzi: "Spread colpa di Lega e M5s"