Domenica 22 Maggio 2016 - 13:00

Cuperlo a Renzi: Attaccati alla poltrona? Io mi dimisi

L'esponente del Pd ha risposto al premier sulla riforma costituzionale

Cuperlo a Renzi: Attaccati alla poltrona? Io mi dimisi

"Se la polemica diventa questa è anche difficile rispondere". Lo ha detto ai microfoni di RaiNews24 Gianni Cuperlo, rispondendo al premier Matteo Renzi che ieri ha detto che chi è contro la riforma costituzionale difende la poltrona. "Io - ha aggiunto - mi sono dimesso dalla presidenza del Pd per difendere le mie opinioni, Speranza si è dimesso da capogruppo alla Camera del partito in polemica col voto sull'Italicum. Non si può ridurre la polemica a questo, penso che tra i compiti fondamentali di una leadership ci sia quello di tenere unito il partito".

"Prendo atto - ha detto ancora Cuperlo - che il movimento politico di Verdini è nei fatti in maggioranza oggi. Ma non capisco una allenanza con qualcuno che rappresenta tutto ciò che negli ultimi 15 anni abbiamo combattuto. Mi si dice che porterà voti dal centrodestra. Allora chiedo: per i voti in entrata che può portare dal centrodestra quanti sono i voti in uscita?"

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"

Pensioni, Renzi contro Di Maio: "E' una vera follia tagliare quelle da 2.300 euro"

Scontro sulle cifre tra il segretario Pd e il candidato M5S. Il pentastellato replica: "Vogliamo ridurre quelle oltre 5mila euro"

Paolo Gentiloni in conferenza stampa a Bruxelles

Clima, Gentiloni: "Previsti 175 miliardi per la strategia energetica"

Il premier parla al convegno Patto per il clima, organizzato dai Verdi a Roma

Mattarella incontra una delegazione della Fondazione "Premio Ischia"

Elezioni, il Colle pensa a serenità del Paese: l'obiettivo è stabilità

Mattarella agisce con tutta la discrezione, motivato dal bene primario di mettere in massima tutela il Paese