Domenica 14 Gennaio 2018 - 09:45

Crotone, lite tra vicini: spara e uccide 18enne davanti alla madre

L'ennesimo diverbio è finito in tragedia. Il 57enne ha esploso i colpi ferendo il giovane al torace: per lui non c'è stato nulla da fare

Controlli antispaccio della Polizia alle Colonne di San Lorenzo a Milano

Una lite tra vicini è finita in tragedia a Crotone. Un ragazzo di 18 anni è stato ucciso davanti alla madre e alla fidanzata. A sparargli un uomo di 57 anni, vicino di casa, che ha esploso diversi colpi di pistola colpendo il giovane al torace. Per lui non c'è stato nulla da fare.

Le liti tra i vicini di casa andavano avanti da tempo. Sabato però la situazione è degenerata. Nel pomeriggio, il 57enne, Salvatore Gerace, già noto alle forze del'ordine per spaccio di droga, ha sparato colpendo Giuseppe Parretta, studente del liceo artistico, che è morto tra le urla della madre. L'omicidio è avvenuto nel centro storico di Crotone, nel palazzo che ospita l'abitazione della vittima ma anche la sede dell'associazione "Libere donne", contro la violenza sulle donne, di cui è responsabile la madre della vittima.

Gerace dopo aver sparato si è consegnato alla polizia arrivata sul posto.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"