Giovedì 03 Dicembre 2015 - 14:30

Crisi, Draghi interviene: la Bce taglia a -0,3% il tasso sui depositi

Decisa la riduzione di dieci punti base, al -0,30%, con effetto dal 9 dicembre di quest'anno.

draghi_bce_europa.JPG

 Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della BCE ha deciso che il tasso di interesse sui depositi presso la banca centrale è ridotto di 10 punti base, al -0,30%, con effetto dal 9 dicembre 2015. I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e sulle operazioni di rifinanziamento marginale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,05% e allo 0,30%. Ulteriori misure di politica monetaria saranno comunicate dal Presidente della BCE nella conferenza stampa che avrà luogo questo pomeriggio.

 

 

Schizza a quota 102,80 lo spread Btp-Bund con un rendimento dei nostri titoli che sale all'1,5163% dopo la mancata riduzione dei tassi principali da parte della Bce.

 

 

Nessun particolare impatto su Piazza Affari dalla decisione della Bce sui tassi, con il Mib a 22.696,65 punti a +0,64% e l'All-Share a 24.461,00 punti a +0,55%.

 

 

Dopo un picco a quasi 103 punti base, lo spread Btp-Bund ha già ricominciato a scendere, ora si trova a 97,70 punti base, rendimento dell'1,4653% in virtù di un tasso base dei titoli tedeschi allo 0,4883%.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Facebook, gli utenti potranno fare appello contro la rimozione dei post

Una novità per limitare gli eventuali errori di valutazione del social network

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Faro Ue sui 900 milioni ad Alitalia: "Timori su aiuto di Stato illegittimo"

Indagine sul prestito ponte. E la commissaria Vestager chiarisce che all'Italia non saranno fatti sconti