Giovedì 03 Dicembre 2015 - 14:30

Crisi, Draghi interviene: la Bce taglia a -0,3% il tasso sui depositi

Decisa la riduzione di dieci punti base, al -0,30%, con effetto dal 9 dicembre di quest'anno.

draghi_bce_europa.JPG

 Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della BCE ha deciso che il tasso di interesse sui depositi presso la banca centrale è ridotto di 10 punti base, al -0,30%, con effetto dal 9 dicembre 2015. I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e sulle operazioni di rifinanziamento marginale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,05% e allo 0,30%. Ulteriori misure di politica monetaria saranno comunicate dal Presidente della BCE nella conferenza stampa che avrà luogo questo pomeriggio.

 

 

Schizza a quota 102,80 lo spread Btp-Bund con un rendimento dei nostri titoli che sale all'1,5163% dopo la mancata riduzione dei tassi principali da parte della Bce.

 

 

Nessun particolare impatto su Piazza Affari dalla decisione della Bce sui tassi, con il Mib a 22.696,65 punti a +0,64% e l'All-Share a 24.461,00 punti a +0,55%.

 

 

Dopo un picco a quasi 103 punti base, lo spread Btp-Bund ha già ricominciato a scendere, ora si trova a 97,70 punti base, rendimento dell'1,4653% in virtù di un tasso base dei titoli tedeschi allo 0,4883%.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Def, Padoan: Punti di vista diversi con Ue, ma regole rispettate

Def, Padoan: Punti di vista diversi con Ue, ma regole rispettate

"Con la Commissione partiamo da punti diversi in grande trasparenza"

Def, deficit/Pil in calo al 2% nel 2017: lotta agli sprechi

Def, il deficit/Pil in calo al 2% nel 2017: lotta agli sprechi

Prosegue il "percorso di consolidamento delle finanze pubbliche"

Draghi avverte: Decisori politici colgano occasione per fare riforme

Draghi avverte: Decisori politici colgano occasione per fare riforme

"Dobbiamo creare opportunità investimento per i risparmi"

Roma, incontro tra Governo e sindacati sulle pensioni e sul lavoro

Pensioni, accordo governo-sindacati. Poletti: 6 miliardi in 3 anni

Siglato il verbale dopo un incontro tra i sindacati e il ministero del Lavoro