Mercoledì 09 Marzo 2016 - 13:30

Credit Suisse indagata a Milano: inchiesta su maxi frode fiscale

Verifiche su 13-14mila clienti italiani che avrebbero portato all'estero circa 14 miliardi di euro

Credit Suisse indagata a Milano: inchiesta su maxi frode fiscale

La banca svizzera Credit Suisse è indagata a Milano per la legge sulla responsabilità amministrativa degli enti nell'ambito di una inchiesta su maxi-frode fiscale che sarebbe stata realizzata tramite false polizze assicurative. La guardia di finanza sta effettuando verifiche da tempo su 13-14mila clienti italiani che avrebbero portato all'estero circa 14 miliardi di euro

L'inchiesta, avviata oltre un anno fa dal procuratore aggiunto di Milano Francesco Greco, dai pm Gaetano  Ruta e Antonio Pastore e dal Nucleo di polizia tributaria della Gdf di Milano, si è concentrata su un giro di polizze false stipulate all'estero, con operazioni effettuate tra il Liechtenstein e le isole Bermuda. In realtà sarebbe stato, per la Procura di Milano, un efficace stratagemma per portare soldi di cittadini italiani oltre  confine e non dichiararli al Fsvo. I reati ipotizzati sono frode fiscale, ostacolo all'attività di vigilanza, riciclaggio e abusivismo finanziario. Il gruppo bancario svizzero è indagato, invece, per la legge sulla responsabilità amministrativa degli enti, la 231 del 2001.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Esplosione di un ordigno davanti alla porta di un abitazione a Pioltello

Varese, ritrovata la ragazza scomparsa nel 'bosco della droga'

. Le indagini proseguiranno per accertare cosa sia accaduto nella notte di sabato e per individuare i colpevoli

Inaugurazione di 'Inno alla Bellezza' e anteprima dello spettacolo dell'Albero della vita in ex Area Expo

Expo, Anac manda atti a tre Procure

Evidenziate anomalie nella maggior parte delle 25 procedure analizzate

Brescia, Processo d'appello per Massimo Bossetti

Caso Yara, test dna che inchioda Bossetti valido, analisi irripetibile

Le motivazioni della sentenza con cui i giudici hanno condannato all'ergastolo il muratore di Mapello