Lunedì 08 Gennaio 2018 - 15:30

Coutinho, prime ore al Barca: "Che onore giocare con Messi"

Il brasiliano ha fatto visita alla "città" della squadra catalana. "Neymar mi ha detto cose bellissime dello spogliatoio"

Barcellona, Coutinho si presenta

La lunga telenovela è giunta ai titoli di coda con un lieto fine. Philippe Coutinho è ufficialmente un giocatore del Barcellona. Il brasiliano, affiancato dal presidente del club catalano Josep Maria Bartomeu, ha firmato oggi un contratto della durata di cinque anni. Al Liverpool la cifra di 160 milioni di euro, che concretizza quello che passa alla storia come il terzo trasferimento più ricco nel mondo del calcio. Il passaggio del 25enne Coutinho, infatti, si piazza dietro solo a quelli di Mbappè dal Monaco al Paris Saint-Germain per 180 milioni di euro e di Neymar, dal Barcellona sempre al Psg per gli ormai celebri 222 milioni, avvenuti entrambi nell'estate 2017.

La giornata del brasiliano è iniziata molto presto: il giocatore è arrivato intorno alle 8 del mattino presso l'ospedale della capitale catalana, per sostenere le visite mediche, che si sono svolte in due fasi. Ma non si è fatta attendere la prima nota stonata: l'attaccante sarà a disposizione del tecnico Ernesto Valverde solo dopo la metà di gennaio a causa di un problema muscolare accusato nelle ultime settimane da giocatore del Liverpool. "Si tratta di una lesione evolutiva al muscolo anteriore della coscia destra. Il tempo di assenza è stimato in circa 20 giorni", queste le parole della società in un comunicato ufficiale. Il brasiliano ha saltato anche le prime due partite del Liverpool nel 2018, le ultime da giocatore dei Reds. Nonostante la notizia l'entusiasmo per il Coutinho-day non si è spento assolutamente: dopo la cerimonia ufficiale, il giocatore si esibito col pallone, per i primi passi sul terreno del Camp Nou, concedendosi a foto e sorrisi dei tifosi. Il presidente Bartomeu non ha mancato di sottolineare quanto sia stato complesso portare a termine un'operazione, iniziata già la scorsa estate. I Reds hanno fatto di tutto per trattenere l'asso brasiliano in Inghilterra dopo una parentesi poco fortunata all'Inter, ma alla fine hanno prevalso la volontà del giocatore e la tenacia della dirigenza blaugrana, sostenuta da un'offerta decisamente irrinunciabile.

Loading the player...

"Tutti i tifosi del Barça sono felici di avere Coutinho qui. Non è stato facile, ma la sua voglia di venire insieme con la sua forza e pazienza sono stati la chiave", ha dichiarato il presidente del club spagnolo. In seguito è stato il momento delle prime dichiarazioni da giocatore azulgrana. "Sono molto contento. È la realizzazione di un sogno. Questa è un'opportunità unica. Sarà un vero onore giocare con Messi. Far dimenticare Neymar? Siamo due calciatori differenti. Io arrivo qui per ritagliarmi il mio spazio. Sono ansioso di cominciare". L'ex Liverpool ha ammesso di aver parlato con l'attuale stella del Psg: "Neymar mi ha detto che lo spogliatoio del Barça è incredibile. Si è detto felice della mia scelta", ha aggiunto Coutinho.

"Al momento non potrò giocare in Champions, ma spero in un futuro ricco di successi. Desidero ringraziare la mia famiglia e non posso che esaltare gli sforzi della dirigenza blaugrana per portami qui. Hanno mostrato tanta pazienza", ha concluso il brasiliano. Ha avuto inizio così la nuova avventura di Coutinho in terra spagnola.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

ENG, Premier League, West Bromwich Albion vs FC Arsenal

Guardiola e la 'resa' del City: "Sanchez allo United? Gli auguro il meglio"

Sembra proprio che la squadra di Mou sia destinata a vincere la battaglia sul cileno conteso

Neymar non cede il rigore a Cavani: pioggia di fischi dai tifosi

Proprio quel rigore avrebbe permesso all'uruguaiano di superare Ibrahimovic in testa alla classifica dei migliori cannonieri nella storia del club

Ronaldinho File Photo

Si ritira Ronaldinho, Pallone d'oro del 2005. Tre stagioni nel Milan

Il brasiliano, 37 anni, da quasi due non gioca partite ufficiali pur essendo tesserato del Fluminense. Ha giocato nel Psg e nel Barca