Venerdì 27 Maggio 2016 - 13:45

Donna uccisa e bruciata in auto: arrestato pregiudicato

Ic arabinieri di Scalea hanno arrestato un uomo con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere

Cosenza, donna uccisa e bruciata in auto:arrestato pregiudicato

Questa mattina all'alba i carabinieri di Scalea hanno arrestato, in via cautelare, un uomo con l'accusa di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. Il sospettato, classe '72, si chiama Sergio Carrozzino. L'operazione ha avuto origine lo scorso dicembre con il rinvenimento in una località periferica di Belvedere Marittimo (CS) dei resti di un'autovettura totalmente distrutta dalle fiamme con all'interno i resti di una donna successivamente identificata in Rodrigues De Matos Silvana, della quale il marito aveva denunciato la scomparsa poco prima. La donna, uscita di casa per andare a fare la spesa nel tardo pomeriggio del 12.12.2015, veniva sorpresa dal suo assassino all'interno del parcheggio del supermercato dove si era recata per fare delle compere.  

Sergio Carrozzino, sorvegliato speciale con obbligo di dimora, è stato scarcerato nell'aprile del 2015 dopo aver espiato una condanna definitiva a 15 anni di reclusione per l'omicidio del fratello del cognato della donna assassinata. Vista la sua pericolosità l'arresto è avvenuto con l'impiego delle unità speciali dei Carabinieri del Gruppo Operativo Calabria. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Farah è tornata in Italia, Alfano: "Adesso è in un luogo sicuro"

I genitori avevano condotto la ragazza pakistana a Islamabad per costringerla ad abortire