Martedì 21 Marzo 2017 - 13:00

Corteo per le vittime di mafia. Don Ciotti: Oggi siamo tutti sbirri

La presidente della Camera Boldrini: "Orgogliosa che questa Giornata della memoria sia stata istituita per legge"

Giornata della memoria, corteo a Locri per le vittime di mafia

Al via a Locri e in contemporanea in 4mila luoghi in tutta Italia i cortei organizzati in occasione della XXII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con la Rai Responsabilità Sociale, Conferenza Episcopale Calabra e con il patrocinio del Comune di Locri e sotto l'Alto Patronato del presidente della Repubblica. "Il tema della giornata, 'Luoghi di speranza e testimoni di bellezza', richiama proprio l'importanza di saldare la cura dell'ambiente e dei territori con l'impegno per la dignità e la libertà delle persone. Esercitando al contempo le nostre responsabilità di persone, di cittadini, di abitanti - ospiti e custodi - della Terra", si legge sul sito di Libera nell'articolo dedicato alla Giornata della memoria.

Presente a Locri don Ciotti, che aprendo il suo intervento ha detto: "Oggi a Locri siamo tutti sbirri. Ricorderemo tanti nomi di esponenti delle forze dell'ordine che hanno perso la vita e nessuno li può etichettare e insultare". Il riferimento è alle scritte apparse ieri sul Vescovado della città: "Più lavoro, meno sbirri" e "Don Ciotti sbirro" le frasi impresse sui muri dell'edificio.

"Io credo che siamo qui perché amiamo la vita. E abbiamo un debito con chi è stato assassinato, con le loro famiglie. Ma non basta più ricordare: bisogna farli vivere nel nostro impegno. Le vittime ci parlano, sono vive, ci esortano a essere noi più vivi. Ci hanno lasciato un'eredità: la speranza di una società più giusta e umana. A noi il compito di realizzarla", ha aggiunto il fondatore di Libera. "Le mafie non uccidono solo con la violenza: vittime sono i morti assassinati ma vittime sono anche i morti vivi, le persone a cui la mafia ha tolto la speranza e la dignità". "Penso alle tante vittime dell'usura, basta all'usura, sono dei criminali degli assassini perchè distruggono la vita e creano tanti morti vivi di ansia e paura - ha aggiunto Don Ciotti - ma ci sono anche i morti vivi per mancanza di coraggio perchè si rassegnano all'agonia etica ed esistenziale".

LEGGI ANCHE Mafia, don Ciotti: Politica faccia selezione e non aspetti magistrati

Loading the player...

"Sono orgogliosa che oggi, 21 marzo, per la prima volta si celebri per legge la Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Dopo tanti anni di mobilitazione dei cittadini contro la criminalità organizzata, dal Parlamento italiano è finalmente arrivato - con il voto unanime espresso dalla Camera 20 giorni fa - il riconoscimento ufficiale che questa partecipazione meritava", dichiara in una nota la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini.

"Voglio esprimere la mia affettuosa solidarietà a don Luigi Ciotti: le ignobili minacce che ha ricevuto, poche ore dopo l'importante visita a Locri del Presidente della Repubblica, dicono che non c'è nessun rischio di ritualità nelle migliaia di iniziative che oggi, grazie a Libera e tante altre associazioni, si svolgono in tutto il Paese. Aver istituito la Giornata è stato un atto legislativo dal forte significato simbolico. Nel voto del Parlamento si sono incontrati l'attività delle istituzioni - che in questa legislatura hanno dato più di una risposta, a partire dalla legge sul voto di scambio - e l'impegno della cittadinanza attiva. Questo dialogo tra le aule parlamentari e la 'società civile responsabile' - secondo la definizione cara a don Ciotti - è indispensabile se vogliamo sradicare le mafie dal nostro Paese".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Firenze, licenziato da ditta spedizioni ruba merce: arrestato

Firenze, licenziato da ditta spedizioni ruba merce: arrestato

Fermato anche il complice. Avevano studiato a puntino il loro piano

Scandicci si stringe alla famiglia di Niccolò Ciatti. L'omicida: "Ho fatto cosa orribile"

Scandicci si stringe alla famiglia di Niccolò Ciatti. L'omicida: "Ho fatto cosa orribile"

"Dobbiamo essere forti anche quando le telecamere si spegneranno", ha detto il sindaco Fallani entrando nella chiesa gremita

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia andrà al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Brescia, conferenza su attività al Canile Sanitario

Pesticidi nemici di cani e gatti: solo a luglio 3mila avvelenati

Dalla candeggina agli insetticidi: l'uso errato può uccidere i nostri amici a quattro zampe