Lunedì 09 Maggio 2016 - 14:45

Corruzione, Saviano: Le norme del Governo non bastano

"Politica sguarnita, il Sud è un tema marginale anche per responsabilità europee" sottolinea lo scrittore

Roberto Saviano

 "Le norme che sono state prese dal Governo non bastano. Lo dimostrano le ultime inchieste. La politica è profondamente sguarnita da questo punto di vista. Il Sud è un tema marginale anche per responsabilità europee, le responsabilità non sono soltanto di questo governo: sono ampie". Così Roberto Saviano interpellato da LaPresse in merito alle norme contro la corruzione e le mafie adottate dal governo di Matteo Renzi, alla fine della conferenza stampa sulla seconda stagione della serie ispirata a 'Gomorra', al teatro Opera di Roma.

LA RISPOSTA A CANTONE. "Non mi spaventa essere definito nichilista o malinconico: non lo sono. Puntare una contraddizione non significa patteggiare per quella contraddizione. Spesso si fa questo errore: prendersela con chi racconta il male e non con il male stesso. Lo raccontava già Giacomo Leopardi nello 'Zibaldone' quando scrive che gli italiani odiano chi nomina il male, non il male stesso" ha invece risposto Saviano in merito alle parole del presidente dell'Anac Raffaele Cantone che su 'Libero' lo ha definito nichilista. "Il problema è un altro - spiega lo scrittore -. Con il governo Berlusconi l'antimafia e i temi mafiosi erano strumenti per mettere in crisi la situazione politica nazionale, oggi quando si parla di mafia si diffama il Paese. Penso non sia vero. C'è molto da fare e si può fare molto: non è tutto perduto, ci sono moltissime risorse. Raccontare è una di queste risorse". "Mi spiace molto - ha aggiunto Saviano - che si stia tornando a questa sorta di silenziosa omertà cioé che non parlarne sia sufficiente per risolvere il problema". "Io non credo che non si possa dire che in 'Gomorra' c'è bellezza. E' la contraddizione di due binari paralleli", ha concluso.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Governo, Conte è il nuovo premier. Il giurista accetta l'incarico con riserva

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef